adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Finding Altamira

sabato 4 Marzo, 2017 | di Martina Bigotto
Finding Altamira
Inediti
4
Facebooktwittermail
Voto autore:

Banderas e i retroscena dell’archeologia
Un archeologo dilettante rinviene delle misteriose pitture sulle pareti di una grotta ad Altamira. Comprendendo immediatamente l’importanza della scoperta, cerca sostegno tra i colleghi ricercatori. La magnificenza dei reperti però turba profondamente gli accademici e del monsignore locale, alimentando insopportabili accuse di calunnia e di eresia.

Dopo tanto peregrinare in giro per il globo – abbracciando le necessità delle produzioni internazionali alle quali partecipa – Banderas torna, almeno geograficamente parlando, alle origini grazie a Finding Altamira, nuovo lungometraggio del regista inglese Hugh Hudson ambientato nella Spagna Verde di fine Ottocento.mediacritica_finding_altamira_290 Il profondo legame che lega l’attore alla madrepatria, in verità, non si era mai davvero sopito, come risulta dalle sue annuali incursioni – puntualmente immortalate dai mass media – alla Feria de Abril nella natìa Andalusia. Nonostante abbia raggiunto la notorietà principalmente grazie a commedie e film d’animazione campioni d’incassi, la sua filmografia – estremamente variegata – non mente. Incursioni nella letteratura d’autore, lungometraggi sublimati dall’attenta estetica che tracima dall’obiettivo di documentaristi del calibro di Jean-Jacques Annaud, peculiari produzioni tv come Pancho Villa – La leggenda, collaborazioni con icone come Malick, Allen e Almodovar: Banderas, attore camaleontico che restituisce con realismo le peculiarità private e pubbliche dei suoi personaggi, sceglie con estrema cura i copioni da interpretare, prediligendo opere che raccontano storie intense, dense di significati e significanti, mai banali. In The Body l’avevamo già visto alle prese con dilemmi che coinvolgevano fede e scienza, tradizione e modernità e qui si trova nuovamente nei panni di Marcelino Sanz de Sautuola, un uomo dalle intuizioni antesignane, dotato di tenacia e curiosità non comuni che con la sua scoperta archeologica metterà in dubbio non solo i concetti di discipline storico-scientifiche che allora stavano tentando di ottenere rispetto dal mondo accademico, ma anche la sicurezza della Chiesa. Uno scienziato che scandaglia tanto l’infinitamente piccolo quanto l’infinitamente grande con la medesima passione; un padre che vuole insegnare alla figlia, ancora bambina, che la conoscenza rafforza la propria indipendenza. A commentare visivamente tutto questo – pur senza riuscire a ridurre la perdita di ritmo iniziale del film – ci pensano l’estetica e raffinata fotografia di Alcaine e la collaborazione di RTVE, da sempre filologicamente molto attenta ai prodotti per il piccolo e grande schermo che contribuisce a creare.

Finding Altamira [id., Spagna/Gran Bretagna/Francia 2016] REGIA Hugh Hudson.
CAST Antonio Banderas, Rupert Everett, Golshifteh Farahani, Allegra Allen.
SCENEGGIATURA José Luis López-Linares, Olivia Hetreed. FOTOGRAFIA José Luis Alcaine. MUSICHE Evelyn Glennie, Mark Knopfler.
Drammatico/Storico, durata 97 minuti.

4 Comments

  1. Nikel says:

    Ah ma non esce in Italia al cinema?! Peccato! Con tutti i film inutili che ha fatto Banderas in questi anni… almeno questo una visione la meriterebbe

  2. Martina says:

    Condivido pienamente. In Spagna é uscito al cinema quasi un anno fa. Qui da noi non ci sono stati – almeno per ora – segnali incoraggianti in questo senso, nonostante il gran cast e la bella storia raccontata. Speriamo che qualcuno decida di farlo arrivare, se non in sala, perlomeno negozi.

  3. Gabriella says:

    Maria bambina non c’è’ il nome dell’attrice
    Come si chiama? E’bravissima

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly