adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Bleed – Più forte del destino

sabato 11 Marzo, 2017 | di Filippo Zoratti
Bleed – Più forte del destino
In sala
1
Facebooktwittermail
Voto autore:

Paz scatenato
Quello relativo alla vita, ai fatti e ai misfatti di Vincenzo Pazienza (detto Paz o Diavolo della Pazmania) è per Hollywood un soggetto tanto allettante quanto “scomodo”. Intendiamoci: nella clamorosa vicenda del piccolo pugile di origini italiane che in seguito ad un devastante incidente d’auto non si arrende al proprio destino tornando sul ring a combattere (e a vincere) c’è molto, moltissimo cinema.

Pure troppo, se si considera che nella reale biografia di Vinny Paz sono presenti anche arresti per reati connessi all’alcol, violenza, assegni falsi e condotta scorretta. E difatti non è un caso che la bozza della trasposizione della sua storia sia stato messa in un cassetto per quasi cinque anni. Bleed – Più forte del destino, del redivivo regista Ben Younger (che avevamo lasciato allo zoppicante Prime del 2005), mediacritica_bleed_più_forte_del_destino_290racconta tanto, ma non tutto. Soprattutto omette alcuni particolari “sconvenienti” e ne edulcora altri, procedendo a grandi balzi verso il tratteggio di un antieroe che non si è mai dato per vinto, sostituendo al (non eccelso) talento una impareggiabile forza di volontà. Il “nostro” Paz filmico non beve, ama tutte le fidanzate con cui ha a che fare ed è semplicemente un po’ sopra le righe (i famigerati “genio e sregolatezza” italici, secondo il cliché americano). Bleed procede come il suo protagonista: esaltato e sfacciato nella prima parte, rallentato e sfocato nel momento dell’incidente e forse troppo sbrigativo e sommario nell’atto della resurrezione, quando con molteplici salti spazio-temporali si passa dall’estrazione dei chiodi in testa post-operatori (MyMovies parla di “metafora cristologica del martirio, vista la somiglianza visiva del tutore – un esoscheletro simile ad un collare – con la biblica corona di spine”, uno spunto interessante) alla rivincita sul quadrato. Forse studiato a tavolino per gli Academy Awards (nel marzo 2016 il Los Angeles Times lo aveva inserito tra i “10 film di cui sentiremo parlare agli Oscar dell’anno prossimo”, cosa poi non accaduta), il film di Younger colpisce soprattutto per la minuziosa ricostruzione ambientale e scenografica (fotografia asciutta e inserti found footage, come se l’opera fosse stata girata “dal vivo” tra la fine degli anni ’80 e l’inizio dei ’90) e per la caratterizzazione dei protagonisti: la duttilità di Miles Teller da un lato – che quasi replica la performance di Whiplash – e il leggero ma funzionale overacting di Aaron Eckhart dall’altro. Elementi nobili ma non sufficienti ad elevare al rango di culto una pellicola che innesca sì la curiosità per un personaggio sghembo e affascinante, senza riuscire tuttavia purtroppo a smarcarsi dai campioni del genere a cui guarda, fra i quali ovviamente spicca il Toro scatenato di Martin Scorsese (qui produttore esecutivo, a dimostrazione delle speranze riposte nel progetto).

Bleed – Più forte del destino [Bleed for This, USA 2016] REGIA Ben Younger.
CAST Miles Teller, Aaron Eckhart, Katey Sagal, Ted Levine.
SCENEGGIATURA Ben Younger. FOTOGRAFIA Larkin Seiple. MUSICHE Julia Holter.
Drammatico/Biografico/Sportivo, durata 107 minuti.

One Comment

  1. GnuYk says:

    Visto ieri sera e sono d’accordo, avrebbe potuto essere un grande film… ma non lo è

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly