adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

La luce sugli oceani

sabato 11 Marzo, 2017 | di Erasmo De Meo
La luce sugli oceani
In sala
3
Facebooktwittermail
Voto autore:

Se il pubblico guarda meglio
La critica si è un po’ accanita su La luce sugli oceani. L’hanno dato per sentimentale, sovraccarico, manierista, eccessivo, troppi minuti, troppe lacrime, troppi primi piani. Ma qui a Mediacritica proviamo a dare il giusto peso alle cose ed il film di Cianfrance non è per niente male.

La sua unica pecca è quella di nascere con quella che chiamerei la “sindrome dell’adattamento” dove ad un libro di successo (se è in costume poi!) bisogna affiancare un film di successo e questo deve rispettare fedelmente la trama, le sensazioni e addirittura deve condividerne le battute nei momenti culminanti, per non lasciare delusi e confusi quelli che vanno a vedere “com’è il film di quel bel libro che ho letto” che, in certi casi, costituiscono la fetta maggioritaria del pubblico. mediacritica_la_luce_sugli_oceani_290Per questo traspone e non adatta, per questo è lungo, per questo ha molte scene importanti, per questo tiene alto e costante il livello emozionale: perché non può concedersi pause. Ma nonostante abbia mani e piedi legati Cianfrance fa sua la storia di Tom e Isabel e ha saputo ordinare il tutto, dosare tempi e ritmi, plasmare un cast invidiabile e costruire un’architettura ambiziosamente classica, senza strappi né sbavature, riuscendo anche a confezionare qualche scena magistrale. Tom (Fassbender) è tornato dalla Prima Guerra Mondiale, non sa spiegarsi perché proprio lui sia riuscito a salvarsi e ne sente la colpa e insieme la responsabilità. Per trovare calma e pace accetta di diventare guardiano del faro sull’isola di Janus, dove sarà l’unico abitante per mesi finché Isabel (Vikander) saprà risvegliarlo dal suo torpore emotivo. Da marito e moglie tornano sull’isola, ma, come per un fatale pendolìo tra felicità e dramma, non riescono ad avere figli e dopo il secondo aborto una fortunosa disgrazia porterà sull’isola una barca con dentro una neonata. Denunciare o accettare l’arrivo come una provvidenziale “luce tra gli oceani”? La disperazione di Isabel convince Tom a mentire e Lucy crescerà biondissima tra due genitori castani. Ma Lucy è Grace e la sua vera madre Hannah (Weisz) la crede morta in mare. È una trama (ed una storia) d’altri tempi che arriva allo spettatore pura, senza implicazioni, non fa riflettere ma si fa godere e vivere in tutta la sua basilare intensità. Il sonoro è la parte più considerevole sul lato estetico e l’unica caratteristica che emerge fuori dall’altrimenti solido e geometrico schema del film. È in costante dialogo-frattura con l’immagine, anticipando e descrivendo, e non parlo solo della parte musicale affidata a Desplat ma soprattutto dei suoni del mare, del vento, dell’erba. Esemplare è la scena del primo aborto che fa ricordare Il vento (1928) di Sjöström, ma anche altrove emerge una bravura oggettiva e travisata. Stavolta il pubblico ha avuto ragione.

La luce sugli oceani [The Light Between Oceans, USA/Gran Bretagna/Nuova Zelanda 2016] REGIA Derek Cianfrance.
CAST Michael Fassbender, Alicia Vikander, Rachel Weisz, Florence Clery.
SCENEGGIATURA Derek Cianfrance (tratta dall’omonimo romanzo di M. L. Stedman). FOTOGRAFIA Adam Arkapaw. MUSICHE Alexandre Desplat.
Drammatico, durata 132 minuti.

3 Comments

  1. Luca says:

    Non mi pare proprio di essermi accanito Erasmo, anzi, sono stato “generoso” delle due 😉
    Che sia “sentimentale, sovraccarico, manierista, eccessivo” è un dato di fatto. Che tutto questo eccesso sia in un certo senso il pregio del film, anche.

    • Erasmo says:

      Ovviamente non facevo riferimento alla tua recensione che era ben equilibrata, ma a quelle apparse altrove che troppo peso hanno dato al sentimento, come se di per sé fosse una cosa negativa.

      • Luca says:

        Ah ecco 🙂
        Questo suo essere così sfacciatamente sentimentale è proprio il pregio del film!
        Poi è molto lontano dai miei gusti personali, dal momento che apprezzo assai di più i film che lavorano di sottrazione, ma questo è un altro discorso..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly