adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Il mostro della laguna nera (1954)

sabato 11 Marzo, 2017 | di Erasmo De Meo
Il mostro della laguna nera (1954)
Film History
0
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

SPECIALE MOSTRUOSO
Il falso e il mostro
Il film di fantascienza più visto in Italia è Il mostro della laguna nera, ma forse in pochi lo sanno. Da anni la rubrica “I nuovi mostri” di Striscia la notizia intervalla la sua classifica di horribilia con un frammento del film di Jack Arnold: un mostro avanza tra gli alberi ed emette il suo terrificante richiamo.

La prima scoperta per chi guarda il film sta qui, il mostro non sta paurosamente avanzando ma sta barcollando verso la sua tomba marina e nell’aprire la bocca non emette suoni ma solo gli ultimi affannati respiri di chi, ansimante, si è dichiarato sconfitto. Ecco il risultato: il film di fantascienza in bianco e nero più visto in Italia è un falso. Non male per un pezzo di storia del cinema. mediacritica_il_mostro_della_laguna_nera_290Sono convinto che Jack Arnold sia un maestro del genere fantascientifico e un pioniere e sono dispiaciuto per questo mancato riconoscimento nei suoi confronti. Un montaggio falsato, seppur con intenzioni scherzose, sarebbe stato un caso di lesa maestà se l’autore in questione fosse stato uno dei numi tutelari oggi tanto osannati. Arnold ha girato veri capolavori a cui oggi gli autori di genere si rifanno ancora: Destinazione Terra (1953), Radiazioni BX: distruzione uomo (1957), Tarantola (1955) per non parlare di alcune incursioni di tutto rispetto nella commedia, nel western e perfino nel documentario. Suoi furono i primi film tridimensionali della Universal – la casa numero uno per la produzione di horror per buona parte dello scorso secolo – i cui risultati vengono oggi giudicati troppo grossolanamente, soprattutto in un’ottica che identifica progresso tecnologico e mossa puramente commerciale, per nulla estetica o artistica o linguistica. Il mostro della laguna nera in Italia non arrivò in 3D, troppo poche erano le sale che potevano accoglierlo, anche se a rivederlo oggi, nelle edizioni blu-ray che prevedono la terza dimensione, ci si rende conto di quanto il film fosse costruito con una dimensionalità, una spaziosità che l’appiattimento nega. La mano del mostro che tante volte appare prima del mostro stesso doveva avere ben altro effetto su una platea con gli occhialini. Gli inseguimenti subacquei acquistano una corporeità e una tensione che possono ancora creare horror in uno spettatore anestetizzato per sovraesposizione ad effetti speciali come quello odierno. Ma soprattutto a distanza di oltre sessant’anni quello che era spettacolo si mostra nella sua natura di prodotto culturale che, oltre i simboli, svela i latenti significati nascosti nella maschera mostruosa o nell’azzardata spedizione scientifica. C’è una ricerca di razionalità nell’ignoto, di purezza nel bestiale, c’è fiducia nel virile vigore fisico ed intellettuale, c’è la paura del nuovo e del diverso in un mondo che stava cambiando e si stava mostrando a se stesso. C’è quel mostro che c’è ancora, racchiuso nel luogo più incontaminato di noi stessi, che nuota amorevolmente sfiorando la nostra purezza biancovestita, che si diverte a nuotare laddove potrebbe invischiarsi.

Il mostro della laguna nera [Creature from the Black Lagoon, USA 1954] REGIA Jack Arnold.
CAST Richard Carlson, Julie Adams, Richard Denning, Antonio Moreno.
SCENEGGIATURA Harry Essex, Arthur A. Ross. FOTOGRAFIA William E. Snyder. MUSICHE Joseph Gershenson.
Horror/Fantascienza, durata 79 minuti.

Il mostro della laguna nera (1954)
3.5 2 70%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly