adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Loving

sabato 18 Marzo, 2017 | di Marco Longo
Loving
In sala
1
Facebooktwittermail
Voto autore:

La dignità del sentimento
Loving vs. Virginia è il nome del caso giudiziario americano che negli anni Sessanta ha contribuito a modificare la costituzione in materia di matrimoni, superando il criterio della razza e sancendo un’indiscutibile svolta nella storia della lotta per i diritti naturali.

Protagonisti di questa vicenda furono Richard Loving e sua moglie Mildred, lui bianco, lei nera, sposatisi senza clamori alla fine degli anni Cinquanta e presto arrestati con l’accusa di aver trasgredito alla legge che proibiva i matrimoni interrazziali; costretti per potersi vedere, annullata la pena detentiva, a un esilio forzato fuori dallo stato dove avevano vissuto per anni, in un nuovo e per la loro mediacritica_loving_290famiglia difficilissimo contesto di città lontano da casa. Per il suo quinto lungometraggio Jeff Nichols abbraccia – attraverso l’encomiabile lavoro degli interpreti Joel Edgerton e Ruth Nigga – questo episodio realmente accaduto e ancora vivido nella memoria nazionale, scegliendo però di alleggerirlo di ogni tensione tribunalizia, come per molti sarebbe stato facile invece immaginare. Concentrandosi sulla dimensione interiore dei due coniugi e sul dubbio, quasi paradossale, che il loro disegno sentimentale sia stato una scelta illegittima per il contesto che li accusava. Non un film sul razzismo dunque, ma piuttosto sul riverbero emotivo che questo poteva trasferire nel quadro della relazione, aprendo al dolore della vergogna sociale, alla tensione anche solo immaginifica di una minaccia costante per la propria vita (vedi Take Shelter), al senso di sradicamento, muovendo l’individuo a chiudersi in se stesso, a non considerarsi protagonista di un possibile cambiamento. Quello che i coniugi Loving possono rivendicare è il nucleo unico del loro stare insieme, il sentimento prima ancora che l’ideale del progresso: Loving prova a dirci, venando l’arco dei personaggi di sottili e incessanti incertezze, che quel sentimento è materia di enorme dignità. La necessità è allora quella di imparare a uscire dal proprio guscio, mettere a disposizione del pubblico il proprio privato, donare la propria intimità all’occhio mediatico che può elevare a modello qualcosa di nascosto, o all’apparenza troppo piccolo per poter generare una nuova norma. Nichols ci racconta tutto questo portando in primo piano, come da sempre ha saputo fare, il senso dello spazio, elevando a metafora di un disegno di vita l’immagine delle fondamenta di una casa che, pratica abituale per il muratore Richard Loving, diviene anche il simbolo di una graduale autodeterminazione. Fuori fuoco i giudici della Corte Suprema, mai concretizzate le ombre quotidiane di un razzismo imperante, i Loving conquistano a poco a poco l’attenzione che mai avrebbero immaginato meritare, nell’abbraccio silenzioso e inerme con cui affrontano una folla di giornalisti in attesa di una loro dichiarazione da sposi liberi.

Loving [id., USA/Gran Bretagna 2016] REGIA Jeff Nichols.
CAST Ruth Nigga, Joel Edgerton, Marton Csokas, Michael Shannon, Alano Miller.
SCENEGGIATURA Jeff Nichols. FOTOGRAFIA Adam Stone. MUSICHE David Wingo.
Drammatico, durata 123 minuti.

One Comment

  1. Pingback: La Top Ten Mediacritica 2017 - Mediacritica – Un progetto di critica cinematografica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly