adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

Fiore di carne (1973)

sabato 25 marzo, 2017 | di Juri Saitta
Fiore di carne (1973)
Film History
0
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

SPECIALE PAUL VERHOEVEN
La materia e la morale
L’ultimo lavoro di Paul Verhoeven, Elle, è un film volutamente “amorale” e anticonformista che, come è già stato scritto in alcune recensioni, mette in discussione i nostri valori e i nostri preconcetti, e dunque anche le nostre aspettative di spettatori.

Uno spirito felicemente critico e corrosivo che caratterizza buona parte della carriera cinematografica dell’autore olandese, come dimostra anche uno dei suoi primi lungometraggi: Fiore di carne, grande successo commerciale del 1973 e candidato all’Oscar come Miglior Film Straniero per i Paesi Bassi. mediacritica_fiore_di_carne_290L’opera racconta la passionale ma difficile storia d’amore tra lo scultore Erik Vonk e la giovane Olga Stapels, due ragazzi assolutamente istintivi ed emotivi che trasgrediscono spesso i valori e le norme del loro ambiente sociale per dare sfogo ai propri impulsi sessuali. Caratteristiche che oppongono i due al contesto piccolo borghese nel quale vivono, contesto che l’opera deride e critica nei suoi aspetti più ipocriti e perbenisti, tanto tramite alcune figure secondarie (in primis quella della madre di Olga) quanto, ma più indirettamente, con particolari opzioni linguistiche. Infatti, la regia di Verhoeven, pur essendo apparentemente classica e lineare, crea delle immagini crude e sgradevoli che mostrano in modo esplicito diversi aspetti scatologici e anatomici dei personaggi, dal vomito al liquido amniotico; una scelta che da un lato sembra voler disturbare i gusti più tradizionali e conservatori dello spettatore medio, mentre dall’altro intende probabilmente contribuire a spogliare la love story raccontata da ogni alone romantico, scardinando così i codici narrativi ed estetici del “film sentimentale”. Inquadrature che non risultano però soltanto una provocazione a un tipo di pubblico e a uno specifico genere cinematografico, in quanto hanno anche altre funzioni drammatiche e semantiche: se da un lato sottolineano la psicologia impulsiva e carnale dei protagonisti, dall’altro rendono la pellicola uno strano omaggio al ciclo della vita, in tutte le sue forme e in tutti i suoi aspetti, compresi quelli spiacevoli e corporei. Un sottotesto che emerge anche nei diversi oggetti presenti nell’opera: dalla statua con i vermi (metafora della morte) alla scultura di Olga con un bambino in braccio, simbolo di nascita e maternità. Tutti elementi che rendono Fiore di carne un film al tempo stesso fisico e concettuale, materico e stratificato, che riesce inoltre a mettere in crisi le più conformiste convenzioni sociali ed estetiche di quegli anni. Una linea poetica che Verhoeven svilupperà anche successivamente, raggiungendo magari risultati più raffinati e compatti, come quel piccolo grande capolavoro di Elle.

Fiore di carne [Turks Fruit, Olanda 1973] REGIA Paul Verhoeven.
CAST Monique van de Ven, Rutger Hauer, Tonny Huurdeman, Wim van den Brink.
SCENEGGIATURA Gerard Soeteman. FOTOGRAFIA Jan de Bont. MUSICHE Roger van Otterloo.
Drammatico, durata 112 minuti.

Fiore di carne (1973)
3.33 3 66.67%

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.