adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

Sottodiciotto 2017: i film di Walter Santesso

sabato 8 aprile, 2017 | di Edoardo Peretti
Sottodiciotto 2017: i film di Walter Santesso
Festival
0
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

18° Sottodiciotto Film Festival, 31 marzo – 7 aprile 2017, Torino

Non sono un paparazzo: il cinema di Walter Santesso
Conosciuto e ricordato quasi esclusivamente per il suo ruolo di Paparazzo nella Dolce vita di Federico Fellini, Walter Santesso può essere considerato una di quelle figure condannate dal loro lavoro più famoso ad una sorta di parziale damnatio memoriae; oltre ad avere interpretato numerose altre pellicole, Santesso è stato infatti anche regista.

Quattro film completamente dimenticati e dalla storia distributiva tormentata, come nel caso del suo esordio Eroe vagabondo distribuito a ferragosto del 1966, che inseriscono l’autore in quel sottobosco ancora bene da sfoltire che ricopre le zone dimenticate dalla storia del cinema italiano ufficiale. Importante è stato quindi l’omaggio dedicatogli dal Sottodiciotto Film Festival, mediacritica_i_film_di_Walter_Santesso_290cornice ideale perché le costanti del cinema di Santesso sono proprio l’attenzione all’infanzia e la tendenza al fiabesco, oltre alla specializzazione proprio in opere dedicate ai più piccoli. Si veda in particolare il suo secondo film, L’importanza di avere un cavallo (1968): un cavallo bianco di pura razza appare nei boschi intorno al paese scatenando la caccia degli abitanti, interessati ai soldi che potrebbero venirgli in tasca. A rovinare le uova nel paniere dei cittadini, un giovane disinteressato e “puro” che, trovato il cavallo, gli si affeziona vedendo in lui il primo vero amico della sua vita e resistendo il più possibile al mobbing messo in atto dai compaesani. L’importanza di avere un cavallo ha le atmosfere della fiaba classica con al centro il rapporto tra uomo e animale, e il punto di vista è quello dell’adolescente protagonista; il film è quindi “tenero” e poetico, ma presenta anche una durezza sincera nel mettere in scena la meschina malevolenza e le sottili cattiverie degli abitanti, risultando così estremamente amaro, quasi sconsolato e con una visione disincantata sulla modernità. Elemento comune a molto nostro cinema dell’epoca, ma che più che a Federico Fellini, riferimento quasi pavloviano dei commentatori d’epoca, lo avvicina al cinema di Ermanno Olmi e, anche se solo per qualche eco lontana (l’uso dei primi piani in certe sequenze e la rappresentazione di una sorta di sottoproletariato montano, per esempio), a quello di Pasolini. Più felliniano, e ancora vagamente pasoliniano, è il suo esordio Eroe vagabondo, non lontano da La strada, con il protagonista (interpretato dallo stesso Santesso) in un ruolo che ricorda quello di Gelsomina. Anche in questo caso protagonista è una figura assolutamente pura, ingenua e incapace di capire il cinismo del mondo; un bambino cresciuto solo fisicamente, possiamo dire, circondato da malandrini ed egoisti e da un paio di figure immacolate e inevitabilmente vittime. Anche in questo caso c’è una constatazione più amara e sconsolata che una denuncia rabbiosa, anche se non mancano divertenti momenti di ironia caricaturale; il tutto filtrato in un’atmosfera malinconicamente fiabesca e in un approccio che vede i più giovani come interlocutori principali, ma capace di suggerire qualcosa anche agli adulti. L’omaggio a Walter Santesso del Sottodiciotto Film Festival, che ha compreso anche La battaglia delle patate (1976), è stato quindi un atto importante per riscoprire un regista dimenticato dalla storia del nostro cinema.

Eroe vagabondo [Italia 1966] REGIA Walter Santesso.
CAST Walter Santesso, Antonio Prieto, Giulio Calì, Olga Solbelli.
SCENEGGIATURA Walter Santesso. FOTOGRAFIA Aldo De Robertis, Manuel Rojas. MUSICHE Francesco De Masi.
Drammatico, durata 103 minuti.

L’importanza di avere un cavallo [Italia 1968] REGIA Walter Santesso.
CAST Luciano Rigoni, Cristiano Benetti, Mario Stefani, Francesco De Masi.
SCENEGGIATURA Walter Santesso. FOTOGRAFIA Silvano Savio. MUSICHE Francesco De Masi.
Commedia/Drammatico, durata 42 minuti.

Sottodiciotto 2017: i film di Walter Santesso
4 1 80%

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly