adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Baby Boss

sabato 22 Aprile, 2017 | di Edoardo Peretti
Baby Boss
In sala
0
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Like a boss
“È triste morire senza figli”, sentenziava Michele Apicella nel finale di Bianca. Certamente il nostro aveva ragione, anche se probabilmente non avrebbe mai detto la celebre frase se avesse immaginato la possibilità che l’infante potesse essere uno yuppie rampante dotato di completo nero e di una 24 ore.

Come il neonato protagonista di Baby Boss di Tom McGrath, l’ultimo altalenante, gradevole quanto dimenticabile, prodotto della Dreamworks. Tim ha 7 anni e una fantasia decisamente vivace; adora la sua famiglia e la vita che lo vede protagonista assoluto dell’affetto e delle attenzioni dei genitori, tra avventure immaginate nello spazio, nella giungla o nel cuore di uno squalo e la più serena quotidianità fatta di fiabe della buonanotte e canzoni preferite. mediacritica_baby_boss_290Questa situazione ideale termina con l’arrivo di un fratellino; all’apparenza un normale neonato, ma in realtà un manager rampante, bambino uomo dentro, mandato dalla holding dei bebè per combattere il rivale in affari, cioè l’industria dei cuccioli, colpevoli di rubare ai bebè una quota sempre maggiore dell’affetto degli adulti. Tim, complice la tipica gelosia che colpisce i fratelli maggiori quando arriva il secondogenito, capisce che qualcosa nel nuovo arrivato non torna; tra i due scoppia la rivalità fino all’avventura finale che li costringe a collaborare. L’ultimo film Dreamworks si affida ad un’ottima e potenzialmente scoppiettante idea di partenza, che però non viene sfruttata fino in fondo; non tanto e solo perché il focus è sulla funzione educativa della vicenda rivolta ai più piccoli e con al centro la famiglia, che di per sé ci può stare e che del resto è una costante della factory anche nei suoi risultati migliori e più stratificati (si veda I Croods, probabilmente il film degli ultimi anni più sottovalutato della major), quanto perché il ritmo è altalenante, lo svolgimento troppo prevedile anche nei dettagli e il divertimento scorre a corrente alternata. È come se McGrath avesse voluto navigare su rotte risapute e tranquille realizzando un film sicuramente gradevole quanto in fin dei conti dimenticabile, il classico senza infamia e senza lode che colpisce più leggendo la trama prima di andare al cinema che durante e dopo la visione. Funzionano alcune gag, un paio di sequenze sono d’impatto e indubbiamente il messaggio ai più piccoli arriva, anche la parte grafica è professionale ma senza picchi di particolare interesse. È però anche un film perfettamente coerente con la poetica dello studio; lo si vede per esempio per come si rivolge agli adulti, con veloci riferimenti e puntando su numerose citazioni. Insomma, anche da questo punto di vista non aggiunge né toglie nulla.

Baby Boss [The Boss Baby, USA 2017] REGIA Tom McGrath.
CAST (DOPPIATORI ORIGINALI) Alec Baldwin, Miles Bakshi, Steve Buscemi, Lisa Kudrow.
CAST (DOPPIATORI ITALIANI) Massimo Rossi, Giulio Bartolomei, Rossella Acerbi, Marco Vivio.
SCENEGGIATURA Michael McCullers. MONTAGGIO James Ryan. MUSICHE Hans Zimmer.
Animazione, durata 97 minuti.

Baby Boss
3 6 60%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly