adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Master of None – Season 2

sabato 27 Maggio, 2017 | di Eleonora Degrassi
Master of None – Season 2
Serie TV
2
Facebooktwittermail
Voto autore:

Le istantanee di Aziz
Dopo due anni di attesa il 12 maggio è uscita su Netflix la seconda stagione di Master of None, ideata da Aziz Ansari e Alan Yang – già insieme in Parks and Recreation.

Ansari, che è anche il protagonista dello show, narra le vicende di Dev Shah, il giovane americano di origine indiana, intrappolato nel quotidiano, equilibrista tra amore, lavoro, scelte di vita. Fin dalla prima stagione Master of None, titolo che porta con sé il “Jack of all trades, master of none”, ha giocato con le fragilità e i pregiudizi della sua nazione,mediacritica_master_of_none_290 focalizzandosi sugli stereotipi etnici e religiosi; proprio su di essi si costruisce una serie che racconta nel profondo la terra che ha accolto e cresciuto il protagonista. Questa stagione si apre con gli ultimi giorni italiani di Dev: il giovane lavora in un pastificio, per lui locus amoenus, per imparare a fare la pasta – il cibo è un elemento importante della serie -, e ora deve scegliere se continuare a vivere nel Bel Paese o tornare nella Grande Mela. Durante il suo stage incontra gli italiani, i loro usi, costumi, manie e soprattutto conosce Francesca/Alessandra Mastronardi, rappresentazione della “manic pixie dream girl”, con cui stringe un rapporto particolare, nonostante lei sia fidanzata. L’Italia di Ansari è un paradiso che si poggia su cliché e stereotipi che non infastidiscono lo spettatore perché cifra di una narrazione tesa proprio a dimostrare quanto questi siano in grado di nuocere. È una nazione, quella raccontata, in bianco e nero che sembra uscita da un film del Neorealismo (il primo episodio, Il ladro, cita Ladri di biciclette), un paese ideale e idealizzato che si riverbera con citazioni su tutta la serie (Dev e Francesca guardano L’avventura e ascoltano Mina e Lucio Battisti). Tornato a New York, disegnata come la città tanto amata da Woody Allen, il protagonista ricomincia la sua routine, fatta delle puntate del programma televisivo che conduce, di appuntamenti fallimentari, e di uscite con Francesca – temporaneamente in America – in cui si raggiunge l’apice di dolcezza, struggimento e ironia. Ansari, ironico e sagace, “riporta a casa” il suo occhio ingenuo e delicato che si poggia su pregiudizi e stereotipi etnici, razziali, di genere, che diventano oggetto di interi episodi (il cibo e la religione, il coming out, il racconto dei luoghi comuni vissuti dallo stesso Dev). Questa seconda stagione si inserisce perfettamente nell’universo di Ansari: grazie ad una scrittura libera mette al centro istantanee di un panorama più vasto e si riconfermano ancora una volta la brillantezza e la delicatezza di un artista originale, unico nel suo genere, in grado di sorprendere.

Master of None [id., USA 2017] IDEATORE Aziz Ansari, Alan Yang.
CAST Aziz Ansari, Noël Wells, Eric Wareheim, Lena Waithe, Kelvin Yu, Alessandra Mastronardi.
Commedia, durata 25-60 minuti (episodio), stagione 2.

2 Comments

  1. Adone666 says:

    Io sono più entusiasta di te. Credo sia una bella sfida quella di creare un prodotto così vicino alla realtà, così vitale ed energetico, evitando la scatologia (che non è di per sé un male, anzi…) e misurandosi con una certa necessità di correttezza politica (visti i tempi che corrono). Insomma, un prodotto che sa essere inoffensivo ma non ipocrita, corretto ma non scandalizzato. Una delle serie più importanti dell’anno, secondo me.

    • Adone666 says:

      Insomma, ho comunque l’impressione, che con Aziz vicino, sia comunque lecito bestemmiare.Ed è una cosa di una certa importanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly