adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Pirati dei Caraibi – La vendetta di Salazar

sabato 27 Maggio, 2017 | di Filippo Zoratti
Pirati dei Caraibi – La vendetta di Salazar
In sala
5
Facebooktwittermail
Voto autore:

Oltre i confini del franchise
Potenzialmente, la saga di Pirati dei Caraibi potrebbe andare avanti all’infinito. È l’indistruttibile ricetta Disney, il cui impero continua ad allargarsi a macchia d’olio. Fateci caso: fra Star Wars, Indiana Jones, Cinematic Marvel Universe, Pixar, nuove saghe e trasposizioni live action di vecchie animazioni è ormai pressoché impossibile che nei multisala non sia presente ogni settimana almeno un film della casa di Burbank.

Ogni nuovo capitolo praticamente non necessita delle visioni precedenti, crea ex novo temibili – e infine facilmente eliminabili – villain con intricate backstory e sui titoli di coda lancia l’amo per l’eventuale sequel. Per quanto saltuariamente possa incappare in fisiologici flop (The Lone Ranger), quella Disney è una flotta inaffondabile. mediacritica_pirati_dei_caraib_la_vendetta_di_salazar_290Eppure parlare di pirati – almeno fino al 2003, anno di La maledizione della prima luna – è sempre stato cinematograficamente un rischio: i Pirati di Polanski, i Corsari di Renny Harlin e Il pianeta del tesoro (sempre disneyano) sono solo alcuni dei titoli che hanno creato la mitologia di una presunta “maledizione” piratesca. Per decenni l’assunto è stato incontrovertibile: i pirati al cinema non funzionano. Paradossalmente, per il produttore Jerry Bruckheimer il segreto iniziale del successo è stato… non crederci troppo: nessuno avrebbe immaginato un tale riscontro per un filmetto estivo basato su una attrazione da luna park. Pirates of the Caribbean nasce quindi come un baraccone pirotecnico per famiglie, dal presunto incasso facile vista anche la presenza (sfruttata a singhiozzo, il che fa capire anche le relative aspettative sul progetto) del divo Johnny Depp e sulla carta diretto solo all’audience americana. Non ci sono sottotesti in Pirati dei Caraibi, non ci sono metafore o interpretazioni extra-filmiche: ciò che si vede è. Ecco il segreto di un successo che non ha pretese oltre a quelle dell’intrattenimento duro e puro, che si ferma alla morale dell’inno scombiccherato al caso e al caos della vita, che elegge a eroe un personaggio eccentrico che si muove senza costrutto per i mari. Ne La vendetta di Salazar – storia di una flotta fantasma che vuole distruggere Jack Sparrow – ogni singola sequenza è sketch, alleggerimento comico, nulla serve a nulla per il prosieguo della narrazione. È una sfacciata resa, estetica e morale: lo spettatore deve solo abbandonarsi alla visione, non farsi domande, assistere allo spettacolo “attrattivo” e, infine, scendere dalla giostra confuso e felice. Può sembrare assurdo, ma i Pirati sono insieme necessari e del tutto superflui, nutrono il bisogno naturale di svago e sono culturalmente inutili (ma non per questo dannosi). Oltre i confini del franchise c’è una saga che un giorno, al termine della sua corsa, mancherà moltissimo. Ma di cui nessuno ricorderà quasi nulla.

Pirati dei Caraibi – La vendetta di Salazar [Pirates of the Caribbean: Dead Men Tell No Tales, USA 2017] REGIA Joachim Rønning, Espen Sandberg.
CAST Johnny Depp, Javier Bardem, Geoffrey Rush, Kaya Scodelario, Orlando Bloom.
SCENEGGIATURA Jeff Nathanson. FOTOGRAFIA Paul Cameron. MUSICHE Geoff Zanelli.
Avventura/Azione/Fantastico, durata 129 minuti.

5 Comments

  1. Schrodinger says:

    Ma scusate… la Disney possiede sul serio tutte quelle cose?? Aiuto!!

  2. Buzzy says:

    Dire che questa saga ci mancherà moltissimo mi sembra una bella esagerazione… sulla base di cosa ci mancherà!?

  3. Hyena says:

    bravissimo il cattivo Javier Bardem! ha proprio la faccia giusta

  4. tiefe says:

    Il peggiore della saga, posso dire? Orendo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly