adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

Baywatch

sabato 3 giugno, 2017 | di Filippo Zoratti
Baywatch
In sala
4
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

SPECIALE TELEFILM ANNI ’90
La visione del bagnino da vicino
Immaginate di veder trasposte al cinema tutte le mitologiche serie tv (quando si chiamavano ancora telefilm) che imperversavano nella tv generalista degli anni ’90: Willy, il principe di Bel-Air, Beverly Hills 90210, La tata, Friends, Xena

Superato lo scoglio della lesa maestà, le accettereste solo se tenessero fede alla loro “filosofia” iniziale: puro intrattenimento, con un linguaggio lineare/banale, pochissima introspezione psicologica e una messinscena camp priva di pretese. Sembra di viaggiare indietro nel tempo di centinaia di anni, eppure è passata poco più di una generazione da quella tipologia di prodotto,mediacritica_baywatch_290 che magari arrivava in Italia con gran ritardo e che occupava i pomeriggi di spettatori ancora ignari di cosa significassero i concetti di streaming e binge watching. Come dimostrano i mezzi flop di Starsky & Hutch e 21 Jump Street, creare nuove schiere di adepti senza offendere il vecchio fandom è impresa ardua, quasi chirurgica. Tra le maglie del nuovo scanzonato Baywatch scorgiamo uno sforzo non da poco: occorre aggiornarsi al consumismo culturale odierno tenendo sempre a mente che è bene non intaccare la “sacralità” originaria. Lo scollamento com’è inevitabile si avverte, e la soluzione scelta dal regista Seth Gordon (quello di Come ammazzare il capo… e vivere felici) e dai suoi sceneggiatori è quella della continua ed esplicitata auto-parodia. Accade così che, mentre da un lato il nuovo Mitch di Dwayne Johnson assomiglia più ad un supereroe che ad un bagnino (“Quello non è Superman, è un semplice bagnino vestito in spandex”, “… come Superman!”), dall’altro si strizza l’occhio all’ingenuità del capostipite presentando una improbabile antagonista indiana e un incendio in alto mare con un pessimo – come all’epoca – utilizzo della CGI (espediente che è stato frainteso: c’è chi ha seriamente giudicato il film alla luce della sua computer grafica “più finta che in una produzione Asylum”); mentre si spinge sull’acceleratore dei riferimenti scatologici e sulle gag fisiche (i testicoli incastrati nel lettino), dall’altro vengono riproposte le iconiche corse al ralenti e le tenere soluzioni amorose a cui è logicamente impossibile credere. A tenere unite le parti, come dicevamo, ci sono i continui inside jokes, le continue auto-citazioni. I protagonisti sanno di recitare in un remake, ridono di loro stessi e dello stereotipo che devono incarnare. È una trovata furba, senza ombra di dubbio, ma intelligente: l’unico modo per stare al passo con la fallacia irresistibile di quel Baywatch è prendersi sanamente per i fondelli, sfiorando spesso il ridicolo ma palesando come indiscutibile “manifesto di intenti” la propria disarmante mancanza di cinismo, la propria lampante sincerità (che fa rima con ovvietà). Esattamente come un telefilm degli anni ’90.

Baywatch [Id., USA 2017] REGIA Seth Gordon.
CAST Dwayne Johnson, Zac Efron, Alexandra Daddario, Kelly Rohrbach, Jon Bass.
SCENEGGIATURA Damian Shannon, Mark Swift. FOTOGRAFIA Eric Steelberg. MUSICHE Christopher Lennertz.
Commedia/Azione, durata 116 minuti.

Baywatch
2.5 8 50%

4 Comments

  1. E.H.G. says:

    Bah, io mi auguro solo che non demoliscano tutto il mio immaginario di gioventù con queste operazioni… che per me sono discutibilissime

  2. Kokoschka says:

    Certo che la Daddario è proprio incapace, non sa recitare 😀

  3. Garten says:

    Fresco, estivo… ho già voglia di rivederlo!

  4. Edop says:

    Non ho visto il film, ma devo dire che il titolo della recensione è geniale

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly