adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

L’arte è viva, ma l’artista…

sabato 10 giugno, 2017 | di Federica Fontana
L’arte è viva, ma l’artista…
Editoriale
2
Facebooktwittergoogle_plusmail

Se in questi giorni sentite pronunciare la parola artista per più di due volte nella stessa frase c’è una buona probabilità che vi troviate a Venezia alla Biennale d’Arte. La 57. Esposizione ha acquisito momentaneamente il copyright del termine riunendo 120 personalità all’insegna di un ritrovato ruolo sociale.

Complici l’incertezza del domani e l’incapacità di interpretare l’oggi tipica del nostro tempo, al grido di Viva Arte Viva questa edizione ripassa in lavatrice la figura un po’ stinta dell’artista contemporaneo – arroccato nel concettuale, sterile provocatore o, nella migliore delle ipotesi, soltanto avido di denaro – per candeggiarla in quella di portabandiera di un nuovo umanesimo e interprete della coscienza mondiale. Questo il tema un po’ utopico del cuore della manifestazione, sviluppato tra il Padiglione Centrale ai Giardini e l’Arsenale in una serie di trans-padiglioni tematici, a far eco a quelli nazionali che non di meno, edizione dopo edizione, continuano ad aumentare. A far da corona a tutto questo percorso, interessante nelle premesse ma debole nel risultato, s’inseriscono tre progetti collaterali che permettono alla curatrice Christine Macel, ex funzionaria del Ministero della Cultura francese e attuale curatore capo del Centre Pompidou, di rivoltare l’artista come un calzino, portandolo a svelare tutti i trucchi del mestiere.
Così la lettura quotidiana del Capitale di Marx del predecessore Okwui Enwezor è rimpiazzata da una “Tavola Aperta” che invita i visitatori a pranzare con uno a scelta degli artisti in mostra; una trovata decisamente più in sintonia con la sensibilità gastronomica made in Italy. Con il progetto “Pratiche d’Artista” inoltre l’artista può essere osservato mentre è al lavoro, grazie ad un video che lo mostra all’opera nell’intimità del proprio studio. Infine, come se non bastasse, il novello sciamano è chiamato a cedere anche i propri cimeli e sacrificare un libro della propria collezione per arricchire quella bulimica del Padiglione Stirling, sempre a beneficio del pubblico.
Al sapore un po’ naïf e vagamente morboso del progetto curatoriale fanno da eco le proposte insipide dei padiglioni nazionali, che, a parte alcune confortanti eccezioni come Germania, Corea, Stati Uniti, Cina e, almeno per una volta, Italia, sbiadiscono comunque a confronto con l’offerta collaterale delle altre istituzioni cittadine. Più o meno slegate dalla Biennale, queste sorprendono con proposte di grande qualità, rendendo Venezia una specie di El Dorado degli appassionati d’arte contemporanea; questo sì da scoprire nell’intimo, ma solo per chi ha buona resistenza fisica.

2 Comments

  1. tiefe says:

    Oooh, finalmente un articolo sulla Biennale d’arte! Non esiste solo la Biennale cinema… grazie 😉

  2. Anton-Io says:

    Io la Germania non l’ho proprio capita… benissimo la Corea, su quella concordo! Ah, e una curiosità? Qualcuno sa perché il padiglione uruguayano era chiuso??? O era QUELLA l’installazione, l’edificio chiuso?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly