adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Manifesto

sabato 10 Giugno, 2017 | di Stefano Lalla
Manifesto
Biografilm Festival
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

13° Biografilm Festival – International Celebration of Lives, 9–19 giugno 2017, Bologna

Abbiamo bisogno di un manifesto dei manifesti?
Lo spettatore contemporaneo assorbe tutto e non si stupisce di nulla, anzi, si fregia della propria bulimia che diventa “apertura mentale”. Il prezzo che paghiamo è la scomparsa delle grandi passioni e delle idee totalizzanti: che fine hanno fatto le avanguardie coi loro proclami e la loro idea di un’arte “giusta”?

Se lo chiede Julian Rosenfeldt che in Manifesto ci propone alcuni passaggi significativi dei manifesti più famosi: futurismo, dada, surrealismo, comunismo (da quest’ultimo è scelto un passaggio che discute il ruolo degli artisti) e molti altri sono recitati dall’istrionica Cate Blanchett. mediacritica_manifesto_290Si tratta di brani dalla forza indiscutibile, ognuno dei quali sostiene una particolare poetica dell’arte come l’unica corretta per rappresentare la modernità. Il film di Julian Rosenfeldt le nega tutte dalla prima all’ultima poiché non si schiera e si limita a sottoporcele, cambiando abito da una scena all’altra con la facilità con cui Cate Blanchett cambia faccia e accento. C’è una contraddizione di fondo: Manifesto ci propone una sessantina di poetiche diverse, ognuna delle quali si crede assoluta e non ammette di essere solamente “una fra le tante”. È un film che, in un modo o nell’altro, racconta la storia dell’arte, solo che molte fra le correnti che propone (il dadaismo e il futurismo su tutte) sono antistoriche e quindi odierebbero Manifesto. Tale contraddizione è ancora più evidente se si considera che il film nasce come un’installazione artistica dove diversi schermi proiettano in contemporanea i vari segmenti. Se si sorvola su questa incoerenza, Manifesto può essere un’esperienza molto positiva perché la qualità della recitazione è altissima e le immagini interpretano i brani in modo quasi sempre interessante. Il Manifesto Dada, per esempio, è recitato come un elogio funebre, lo stridentismo diventa il blaterare di un punk mezzo ubriaco mentre il Manifesto del Futurismo è il monologo interiore di un broker senza scrupoli. Si va avanti per un’ora e mezza di situazioni surreali, stranianti e ricche di umorismo. Quest’ultimo è particolarmente forte nella sezione dedicata all’arte concettuale e al minimalismo, dove la Blanchett diventa contemporaneamente un anchorman e il suo inviato o nella sequenza finale, dove una maestra spiega ai suoi alunni i precetti del Dogma 95 e le dichiarazioni di Werner Herzog e Jim Jarmusch. In tutto questo caos di poetiche discordanti, Manifesto rimane al bordo del ring e si limita a ricordarci che l’arte ha bisogno di idee forti e di gente che si preoccupa di quale sia il modo migliore per rappresentare il nostro mondo.

Manifesto [id., Germania/Australia 2015] REGIA Julian Rosenfeldt.
CAST Cate Blanchett.
SCENEGGIATURA Julian Rosenfeldt. FOTOGRAFIA Kristoph Krauss. MONTAGGIO Bobby Good.
Drammatico, durata 95 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly