adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Aspettando il re

sabato 17 Giugno, 2017 | di Teresa Nannucci
Aspettando il re
In sala
2
Facebooktwittermail
Voto autore:

Superfici anomale
Alan è un uomo di mezza età, bloccato in un momento della vita in cui sembra sempre troppo presto o troppo tardi per qualunque cosa. L’azienda per cui lavora si occupa di tecnologie avanzate e la promozione degli ultimi prodotti lo porta in Arabia Saudita, al cospetto del sovrano del Paese. L’attesa si prolunga sempre più, lasciando ad Alan tutto il tempo per confrontarsi con il mondo che si trova di fronte e per cercare soluzioni alternative per uscire dall’impasse.

Tom Tykwer traspone sullo schermo il Ologramma per il re di Dave Eggers, per mettersi alla prova con alcune delle sue tematiche ricorrenti come il tempo, la realtà, la superficie. L’attesa è il motore narrativo di questa sceneggiatura, che provoca continui cortocircuiti tra chi è presente e chi si fa attendere, mediacritica_a_hologram_for_the_king_290in un confronto che oppone lisce superfici esotiche (vetri, mura, tendoni, ceramiche) e volti segnati dal tempo e dalla ricerca di sottrarsi ai suoi effetti, di cui Hanks è quasi l’unico rappresentante. Allontanandosi dalla facile dicotomia Oriente contro Occidente, Aspettando il re si concentra su scontri interiori, con relazioni umane che si trovano al costante inseguimento di utopie virtuali, per sfuggire alle anomalie di ognuno di noi (il bozzo sulla schiena di Alan, per esempio). Tutte le analisi si svolgono sui “riflessi” del film: alla scenografia è assegnato il compito di opporre scenari desertici orientali a un abbigliamento occidentale stridente e poco adatto, mentre il volto del protagonista diventa il luogo elettivo della rappresentazione dei conflitti che a vari livelli tangono la quotidianità. Pieghe reali e metaforiche disegnano un percorso labirintico, senza inizio né fine, alla ricerca di un piano su cui potersi riflettere e osservare la propria immagine: dallo specchio ai rituali mattutini, dagli ologrammi agli schermi del computer, le superfici più trasparenti finiscono quasi sempre con il mostrare la verità e allo stesso tempo dividere l’individuo da essa, mentre l’opacità di tele, veli e mura fortificate impediscono, con la loro genuinità materica, di scorgere ciò che muove le azioni di tutti. Pur arenandosi in alcuni momenti di scrittura eccessivamente didascalica, Tykwer ritrova Hanks in una narrazione dall’afflato soave eppure terribile nel confronto con se stesso, peccando talvolta di un concettualismo stagnante. Il binomio tra presenti e assenti, tra conosciuto e sconosciuto, tra realtà e supposizioni mette in luce infiniti cortocircuiti presenti sulle apparenze che ci uniscono (e al contempo dividono) culturalmente e che la performance di Tom Hanks mette in risalto con decisione nonostante una scelta interpretativa che resta quasi sommessa, senza pretenziosi virtuosismi.

Aspettando il re [A Hologram for the King, Gran Bretagna/Francia/Germania/USA 2016] REGIA Tom Tykwer.
CAST Tom Hanks, Alexander Black, Sarita Choudhury, Ben Whishaw.
SCENEGGIATURA Tom Tykwer (tratta dal romanzo Ologramma per il re di Dave Eggers). FOTOGRAFIA Frank Grieba. MUSICHE Johnny Klimek, Tom Tykwer.
Drammatico, durata 97 minuti.

2 Comments

  1. FiFo says:

    Ingiustamente relegato alle uscite estive che tutti snobbano… è un bel film, mi spiace!

  2. Gigi says:

    Infatti. Sprecatissimo. Peccato anche per quelle parti didascaliche e frettolose

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly