adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

War Machine

sabato 17 Giugno, 2017 | di Carmen Spanò
War Machine
In sala
2
Facebooktwittermail
Voto autore:

Il teatro dell’assurdo
Afghanistan, 2009. Gli Stati Uniti sono impegnati in una guerra contro il nemico terroristico n.1, una guerra che sembra impossibile vincere. Ma se la resa non è un’alternativa accettabile per l’establishment Americano per (ovvi) motivi di immagine e credibilità. E spesso, per portare a termine il lavoro, basta trovare l’uomo giusto.

“I came here to win”. È il credo del pluridecorato generale Glen McMahon fin dalla sua entrata in scena. Un uomo tutt’uno con la sua uniforme e le sue convinzioni. Determinato, votato ad un’esistenza intrisa di disciplina e senso dell’onore, McMahon crede fermamente nell’obiettivo della missione che gli è stata assegnata, e riesce a persuadere il gruppo di militari al suo comando che le loro azioni sul campo possono ancora fare la differenza. mediacritica_war_machine_290Sogni di vittoria realizzati attraverso l’instaurazione di uno stato di co-esistenza pacifica motivano il generale a pensare in termini di conquista territoriale, senza rendersi conto che per chi sta ai posti di comando – nelle stanze del potere a Washington – non è più una questione di ricostruzione e di liberazione (se mai lo è stata), bensì di ripulitura di panni sporchi e contenimento delle perdite. Ma McMahon non ci sta; ripiegare significherebbe compromettere l’integrità di quei principi nei quali lui crede al di sopra di ogni cosa. Si avvia da questo cortocircuito di intenzioni trasparenti ed interessi egoistici il meschino teatro della guerra – di questo tipo di guerre, in particolare -, di cui il regista di War Machine, David Michôd (Animal Kingdom, The Rover), mette in scena la pericolosa assurdità attraverso una narrazione ironica e sottile. Il protagonista è un “diverso” allo stesso tempo ammirato e guardato con sospetto – notevole il lavoro sul linguaggio del corpo effettuato da Brad Pitt in una performance che rimanda ai personaggi interpretati in Bastardi senza gloria e Burn After Reading; i politici sono figure evanescenti o impegnate in strategie diplomatiche che nulla hanno a che vedere con la realtà del campo di battaglia; e gli invasi, un popolo di disperati il cui grido di libertà ha il retrogusto amaro della supplica (“Please, leave now”). Basato sul libro The Operators di Michael Hastings, incentrato sulla figura del generale Stanley A. McChrystal, War Machine sceglie di dichiarare guerra all’ideologia e alla propaganda dietro le campagne militari sottolineandone la mancanza di coerenza interna e la falsità degli intenti, oltre le strumentali e pretenziose dichiarazioni di esportazione della libertà e della pace. “I believe you’re a good man. I do. What I question is your belief in your power to deliver these things that you describe”. Tilda Swinton dixit, e non è mai suonato più vero nella realtà mondiale in cui stiamo vivendo.

War Machine [id., USA 2017] REGIA David Michôd.
CAST Brad Pitt, Tilda Swinton, Ben Kingsley, Anthony Michael Hall, Topher Grace.
SCENEGGIATURA David Michôd (tratta dal libro The Operators: The Wild and Terrifying Inside Story of America’s War in Afghanistan di Michael Hastings). FOTOGRAFIA Dariusz Wolski. MUSICHE Nick Cave, Warren Ellis.
Drammatico/Commedia/Guerra, durata 122 minuti.

2 Comments

  1. Toledo says:

    Mi aspettavo molto, ma molto di meglio!

  2. Vins says:

    Lo vedo oggi, speriamo bene!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly