adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

Le Ardenne – Oltre i confini dell’amore

sabato 1 luglio, 2017 | di Vincenzo Palermo
Le Ardenne – Oltre i confini dell’amore
Speciale
4
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

SPECIALE FRATELLI COLTELLI
Un oscuro Eden
Dave, Kenneth e Sylvie non hanno storia, identità, futuro. Affogati nei toni lividi della fotografia, ingabbiati dentro ombre troppo scure, rischiarati da lame di luce appena percepibili, si muovono come fantasmi nella nebbia. Le Ardenne, il crime movie diretto da Robin Pront lascia sfilare nelle atmosfere torbide personaggi ambigui, facendo esplodere lentamente una violenza endemica che squarcia il velo di menzogne e illusioni annidate nel sottobosco criminale.

Kenny, lo squilibrato compagno di Sylvie, sconta quattro anni di prigione dopo una rapina andata male. La sua donna e Dave, il fratello più ottemperante, riescono invece a salvarsi dopo il furto compiuto insieme. Il triangolo criminale è irrimediabilmente spezzato come la vita di Kenny, mentre per gli altri due è l’occasione buona per iniziare una nuova vita da amanti solidali e complici. mediacritica_le_ardenne_290Quando Kenny esce dal carcere ha in mente una sola cosa: trovare Sylvie. Tra il realismo del Refn criminale (la trilogia Pusher) e la declinazione in morbosa cronaca familiare come quella narrata da Dave Michôd in Animal Kingdom, l’esordio di Robin Pront si costruisce come riflessione sull’amletico “non detto”, seguendo il filo contorto della sceneggiatura scritta insieme a Jeroen Perceval e concentrandosi su una precisa scelta narrativa che predilige l’indagine intima e lo studio dettagliato sui personaggi. Senza la tragicità beffarda dei fratelli Coen, Le Ardenne circoscrive, nei tetri paesaggi di periferia stretti intorno alle pedine di un delirante gioco al massacro, la tesi antropologica delle “nicchie” che producono possibilità di sopravvivenza in un mondo respingente. Ognuno dei quattro personaggi, compresa l’arcigna madre dei due fratelli, è inserito in ecosistemi di pensiero e linguaggio autosufficienti che tendono al tentativo, quasi sempre frustrato, di riconciliazione con l’altro. C’è dunque un orizzonte filosofico che si dispiega nelle immagini del film, tanto più grottesco e deformato nella capziosità dello script, quanto più incisivo e profondo nella rappresentazione della delirante “allegria di naufragi”. Dopo aver conosciuto l’annegamento repentino, infatti, esistono i sopravvissuti che scelgono l’esilio perenne e quelli che invece si autoproclamano superstiti cercando di cambiare rotta di navigazione e assicurandosi un approdo più confortevole. E tuttavia, nelle fumose e spettrali Ardenne, non esiste porto sicuro e chiunque può definirsi uno sconfitto dalla vita. La percezione dell’alterità, metaforizzata nell’eden collinare su cui Dave e Kenny hanno trascorso l’infanzia e che diverrà presto teatro di un’incomprensibile faida, si trasforma così in vicinanza empatica sporcata dal sangue fraterno in un finale delirante che chiude il cerchio di brutalità iniziato fin dalla prima sequenza.

Le Ardenne – Oltre i confini dell’amore [D’Ardennen, Belgio 2015] REGIA Robin Pront.
CAST Kevin Janssens, Jeroen Perceval, Veerle Baetens, Jan Bijvoet, Viviane de Muynck.
SCENEGGIATURA Jeroen Perceval, Robin Pront. FOTOGRAFIA Robrecht Heyvaert. MUSICHE Hendrik Willemyns.
Drammatico/Thriller, durata 92 minuti.

Le Ardenne – Oltre i confini dell’amore
4.67 21 93.33%

4 Comments

  1. Veine D'or says:

    Bravi i distributori a farlo uscire e bravi voi come rivista a dedicargli il meritato spazio! Una vera sorpresa!

  2. Lavinia says:

    Siete grandi, mediacritici!!!

  3. Muniz says:

    Mah, l’ho trovato privo di sostanza, abbastanza scontato e prevedibile, ma il twist finale è ben riuscito! Ad ogni modo la recensione mette in luce cose interessanti.

  4. Martha says:

    Visto da poco. Un vero gustoso guilty pleasure da assaporare lentamente.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly