adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

Transformers – L’ultimo cavaliere

sabato 1 luglio, 2017 | di Filippo Zoratti
Transformers – L’ultimo cavaliere
In sala
5
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Manifesto del robo-Futurismo
L’incipit di Transformers – L’ultimo cavaliere ha il sapore del manifesto: alla corte di Re Artù, mago Merlino offre la sua decisiva mano all’esercito per sconfiggere i Sassoni. Lo fa affidandosi a quella che è da sempre stata la sua arma segreta: non la magia, ma antichissimi robot alieni nascosti sulla Terra.

Si riscrive dunque a proprio piacimento una leggenda vecchia di quasi mille anni, come successivamente si tirerà in ballo il ruolo fondamentale che avrebbe avuto l’autobot Bumblebee per sconfiggere i nazisti durante la Seconda Guerra Mondiale. Il regista Michael Bay ha le idee piuttosto chiare, e ce lo ripete da dieci anni: lui può tutto. mediacritica_transformers_l_ultimo_cavaliere_290Può cancellare la Storia (quella con la “S” maiuscola ma anche quella della sua saga: non è necessario conoscere le puntate precedenti per approcciarsi ai sequel), può sbarazzarsi delle unità di spazio e di tempo (che c’è ma è un’appendice, l’idea di una distruzione “fra due giorni” non ha alcuna connessione con ciò che succede sullo schermo), può far uscire di scena personaggi che sembravano fondamentali (l’adolescente Izabella) e all’opposto ripescare comprimari del tutto superflui (come John Turturro a Cuba). Può, in buona sostanza, rendere inutili e sorpassate tutte le analisi che tirano in ballo la credibilità, l’estetica, la coerenza narrativa. Bay, coscientemente e spavaldamente, se ne sbarazza: non esiste senso del ridicolo che non possa essere superato, non esiste contraddizione che non possa essere ignorata, non ci sono regole filmiche che debbano in qualche modo essere rispettate. Transfomers non ha bisogno di recensori, addetti ai lavori e critici che ne parlino, perché ha forgiato un nuovo pubblico di riferimento che non confronta i capitoli del franchise con il resto della storia della Settima Arte ma solo con se stesso (meglio il primo film del secondo, meglio la vecchia trilogia della nuova). È uno scacco matto: per quanto si possa argomentare su poderosi problemi di ritmo e su cali di tensione, sui maldestri inserti comici (polarizzati sull’automa-maggiordomo Cogman) per conquistare una nuova fetta di spettatori giovani, sull’imitazione sfacciata di altri film (elementi presi da RoboCop, Star Wars e Wall-E sono sparsi lungo tutta la pellicola), Transfomers – L’ultimo cavaliere vince e stravince perché supera di slancio il cinema, che diventa semplicemente “mezzo” attraverso cui rendersi fruibile. Non è un caso che spesso Transfomers venga paragonato al Futurismo, movimento basato sul dinamismo, sulla modernità e sulla tecnica. Ma anche – ed è l’aspetto più inquietante, partendo dal presupposto che tutto nasce da una linea di “innocui” giocattoli – sull’esaltazione della guerra come “igiene del mondo” e sul progresso che abbandona l’uomo per esaltare la macchina.

Transformers – L’ultimo cavaliere [Transformers: The Last Knight, USA 2017] REGIA Michael Bay.
CAST Mark Wahlberg, Anthony Hopkins, Laura Haddock, Stanley Tucci.
SCENEGGIATURA Art Marcum, Matt Holloway, Ken Nolan. FOTOGRAFIA Jonathan Sela. MUSICHE Steve Jablonsky.
Avventura/Azione/Fantascienza, durata 148 minuti.

Transformers – L’ultimo cavaliere
4.16 25 83.2%

5 Comments

  1. Lilia says:

    Mah mah, troppa analisi, troppa sovrastima… è una roba post-moderna? No è una zozzeria. Inguardabile, dal primo a questo ultimo capitolo

  2. 18ghost says:

    A me il robot maggiordomo faceva ridere!

  3. Poor 6 says:

    Io l’ho trovato sorprendente, scoppiettante, gargantuesco e perciò riuscitissimo! Mitico Bay.

  4. Vins says:

    Sarà che sono rimasto bambino dentro, ma a me è piaciuto molto!

  5. Felix says:

    Wow, me lo rivedrei altre cento volte

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly