adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

The War – Il pianeta delle scimmie

sabato 15 luglio, 2017 | di Edoardo Peretti
The War – Il pianeta delle scimmie
In sala
2
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Apescalypse Now
The War – Il pianeta delle scimmie di Matt Reeves, terzo e ultimo capitolo della saga inaugurata nel 2011 da L’alba del pianeta delle scimmie, conferma quanto di buono era stato visto nelle due puntate precedenti e conferma come alla base del reebot ci sia la volontà di trasmettere l’idea di un blockbuster esplicitamente “adulto”, per il pubblico di riferimento come per il tono e la maniera, appunto, esplicita di affrontare certe tematiche.

Questo terzo capitolo è infatti ancor più cupo, tetro, duro e disincantato, esplicito nella rappresentazione della violenza, della guerra come nei rimandi agli archetipi della tragedia familiare e storica, d’evidente ispirazione shakespeariana – chiave di lettura del resto già evidenziata nel primo capitolo quando lo scimpanzè Cesare leggeva proprio il Giulio Cesare.  mediacritica_the_war_il_pianeta_delle_scimmie_290The War racconta innanzitutto la vendetta, l’ossessione e la deriva disumana a cui un conflitto costringe i suoi protagonisti; ossessionato dall’idea di vendetta è proprio Cesare, l’intelligente e coraggioso primate già costretto a essere leader in una guerra che non ha voluto. Cesare cerca ossessivamente, a seguito di una tragedia familiare, la resa dei conti con un luciferino, cinico e un po’ folle colonnello, interpretato ottimamente da Woody Harrelson e chiaramente ispirato al Kurtz di Apocalypse Now (uno dei riferimenti cinematografici più evidenti). Salvo poi scoprire che il nemico è un po’ il suo specchio e la sua nemesi, dal percorso e dai tormenti interiori non così diversi, dal passato altrettanto tragico e anche lui costretto dalla guerra a cambiare e a fare scelte indicibili. Il tema dell’accettazione del diverso e della necessità della convivenza, dalle chiare metafore sociali e contemporanee, che già non era il tema portante nei primi due capitoli, qui quasi scompare; Reeves infatti preferisce suggerire e mostrare quali potranno essere le conseguenze della mancata tolleranza e della vittoria degli estremismi metaforizzata nel secondo capitolo; e il campo di concentramento in cui sono imprigionate le scimmie costrette a lavorare in condizioni disumane per costruire un muro che protegga l’accampamento del colonnello ha effettivamente più di un inquietante eco nella realtà. Per quanto evidenti, queste tematiche, come detto, rimangono secondarie rispetto al racconto dell’ossessione di Cesare, del suo percorso e del confronto con il nemico/nemesi, sullo sfondo di battaglie rese con efficace piglio epico (e anche realista), una fotografia dark e cupa e una sensazione quasi nichilista di fondo. Pochi e per fortuna non decisivi sbandamenti, tra cui i debiti da pagare ai canoni del macrogenere blockbuster, il personaggio comico, per fortuna non invadente, e la retorica del rapporto con la bambina.

The War – Il pianeta delle scimmie [War for the Planet of Apes, USA 2017] REGIA Matt Reeves.
CAST Andy Serkis, Woody Harrelson, Steve Zahn, Amiah Miller, Terry Notary.
SCENEGGIATURA Marck Bomback, Matt Reeves. FOTOGRAFIA Michael Seresin. MUSICHE Michael Giacchino.
Avventura/Guerra/Fantastico, durata 140 minuti.

The War – Il pianeta delle scimmie
3.14 7 62.86%

2 Comments

  1. Coster says:

    E’ così bello? Non ho trovato in rete neanche una recensione negativa!

    • Edop says:

      Secondo me sì,ha un paio di punti deboli, ma sicuramente coinvolge, è cupo ed epico, ben girato e rielabora bene le tematiche importanti alla base; anche se il migliore della nuova saga penso sia il secondo. Poi è un blockbuster e ha tutte le caratteristiche del blockbuster, ma questo di per sé non è né bene né male

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly