adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

The Shape of Water

sabato 9 settembre, 2017 | di Luca Giagnorio
The Shape of Water
Speciale Venezia 74
1
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

74. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, 30 agosto – 9 settembre 2017, Lido di Venezia

SPECIALE VENEZIA 74
Il mondo a forma di del Toro
L’atteso nuovo film di Guillermo del Toro è uno dei titoli più convincenti in concorso a Venezia 74.

Ispirato come non accadeva dai tempi de Il labirinto del fauno, il regista messicano confeziona un fantasy solido, pieno di trovate visive e di cura per i dettagli, a cominciare dalla raffinata ambientazione d’epoca – la storia è ambientata negli anni ’50, in piena Guerra Fredda – e da un eccezionale lavoro sulla scenografia – l’appartamento della protagonista e del suo vicino collegati idealmente alla sala cinematografica mediacritica_the_shape_of_water_290sottostante con piani sequenza avvolgenti – che danno al film un’atmosfera retrò permeata di cinefilia nella quale si fonde, perfetto contraltare, l’immaginario perturbante dell’autore. La fascinazione di del Toro per “i diversi” si concretizza nei protagonisti: la muta Elisa (una strepitosa Sally Hawkins), coraggiosa e sensibile, e la Creatura anfibia (cui dà corpo l’attore e mimo Doug Jones) che diventa oggetto di studi da parte dell’esercito americano (e di brame da parte dei russi) per capirne la reale natura: è un essere senziente dotato di poteri soprannaturali o un mostro guidato solo da impulsi ferini pericoloso per l’uomo? Non ha dubbi a riguardo “lo sbirro cattivo” Strickland: manganello in mano e mentina sempre in bocca, Michael Shannon impersona un villain a tutto tondo, reazionario, razzista e ambizioso, archetipo deviato dell’americano medio dell’epoca (emblematico il suo acquisto di una lussuosa Cadillac come status symbol), che perde il controllo davanti alla comparsa dell’irrazionale, di un essere che, nel suo mondo perfetto diviso in buoni e cattivi, bianchi e neri, non può esistere nella sua diversità. Una diversità che ritroviamo anche nel malinconico pittore Giles, reietto perché omosessuale, senza lavoro perché “non al passo con i tempi” (lui che ancora dipinge a mano cartelloni pubblicitari nell’era della fotografia), che guarda film musicali in bianco e nero, e trova nella diversa Elisa l’unico conforto alla sua solitudine. I freaks sono gli eroi del cinema di del Toro, incapaci di adeguarsi a un mondo consumista e violento, lo scardinano quasi involontariamente, da magnifici perdenti, con un’incoscienza romanticamente naïf. È un del Toro meno horror e più sentimentale, ma che non rinuncia a momenti di tensione ed effetti crudi nella sua love story fantasy un po’ King Kong e un po’ La Bella e la Bestia (ma la sessualità ora non è più allusiva). Al centro del film il racconto di una realtà, spesso brutale, che il regista affronta dandoci una chiave di evasione, per condurci in un altro mondo: una camera piena d’acqua o un cinema buio dove guardare in uno schermo storie di mostri così simili a noi.

The Shape of Water [id., USA 2017] REGIA Guillermo del Toro.
CAST Sally Hawkins, Michael Shannon, Doug Jones, Richard Jenkins, Octavia Spencer.
SCENEGGIATURA Guillermo del Toro, Vanessa Taylor. FOTOGRAFIA Dan Laustsen. MUSICHE Alexandre Desplat.
Fantasy, durata 119 minuti.

The Shape of Water
3.44 9 68.89%

One Comment

  1. Jean-Luc says:

    Trovo molto coraggiosa la scelta di proporre un fantasy del genere in concorso. Ma è stata un’annata coraggiosa in generale, pensando anche ai Manetti, a Wiseman, a Weiwei… apprezzo molto!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly