adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

Three Billboards Outside Ebbing, Missouri

sabato 9 settembre, 2017 | di Edoardo Peretti
Three Billboards Outside Ebbing, Missouri
Speciale Venezia 74
2
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

74. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, 30 agosto – 9 settembre 2017, Lido di Venezia

SPECIALE VENEZIA 74
Piccolo spazio pubblicità
Tra i film migliori e più celebrati del concorso di Venezia 74 c’è di certo l’esilarante, complesso, beffardo e problematico Three Billboards Outside Ebbing, Missouri, di Martin McDonagh, sardonica opera in grado di penetrare come un coltello nella profondità di un contesto di provincia e nella disperazione e nel cinismo che certi eventi traumatici possono causare in un individuo.

Il grottesco dei Coen si unisce, con un pizzico di atmosfere alla Twin Peaks (c’è pure un nano), alla rappresentazione dell’eroe solitario e contraddittorio tipico di Clint Eastwood. Anzi, non un eroe, ma un’eroina: Frances McDormand (stratosferica) è una madre la cui figlia è mediacritica_three_billboards_outside_ebbing_missouri_290stata rapita, violentata e uccisa. Per muovere le acque dell’indagine ferma al palo affitta i tre cartelloni pubblicitari del titolo, sui quali affigge accuse alla polizia e allo sceriffo locale (Woody Harrelson). Provocazione che scatena reazioni sempre più incontrollabili, con la donna che continua imperterrita sulla strada della ricerca della giustizia e della verità nonostante una comunità sempre più ostile e stretta intorno allo sceriffo. Sceriffo che non è il classico tutto muscoli e cervello, o l’altrettanto classico corrotto; non c’è manicheismo, ma tra il poliziotto, anche lui in qualche modo vittima degli eventi, e la donna nasce una certa vicinanza ideale. La disperazione rende la coriacea protagonista cinica e pronta a tutto, senza remore morali e senza guardare in faccia a nessuno, neanche al dolore altrui. Un’eroina solitaria, sfaccettata e con la quale non sempre si riesce, nonostante la sua tragedia, a empatizzare fino in fondo, portata dal dolore sempre più vicino alla deriva morale. Rischio, quello della deriva morale, che lo splendido, ambiguo e quasi agghiacciante finale rende concreto. McDonagh dipinge senza schematismi un ritratto cupo e beffardo di una piccola comunità come tante giocando sui rapporti di forza tra i personaggi e sulle loro tormentate condizioni interiori, mettendo l’intreccio dell’indagine e lo svelamento del mistero in secondo piano, in una posizione strumentale. La cittadina dove la vicenda si svolge appare come un coacervo di disillusioni, solitudini, rabbia, violenza e fallimenti. Il costante ed esilarante black humour e il fuoco di fila di battute riuscite, sguardi perplessi e dialoghi ficcanti da un lato sì alleggerisce il peso delle tematiche, ma soprattutto contribuisce a rendere ancor più tetro e straniante il contesto, risultando quindi perfettamente inserito nell’economia dell’opera e coerente con i suoi obiettivi. Three Billboards Outside Ebbing, Missouri qua e là appare come una screwball sui mali di una società, e anche per questo funziona a meraviglia. È anche il film più efficacemente “antitrumpiano” visto alla Mostra, perché respira e rielabora l’aria che tira senza affidarsi a sequenze posticce e retoriche.

Three Billboards Outside Ebbing, Missouri [id., USA 2017] REGIA Martin McDonagh.
CAST Frances McDormand, Woody Harrelson, Sam Rockwell, Peter Dinklage, Lucas Hedges.
SCENEGGIATURA Martin McDonagh. FOTOGRAFIA Ben Davis. MUSICHE Carter Burwell.
Commedia/Drammatico, durata 110 minuti.

Three Billboards Outside Ebbing, Missouri
3.83 6 76.67%

2 Comments

  1. Kim says:

    non vedo l’ora di vederlo!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly