adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

In questo angolo di mondo

sabato 23 settembre, 2017 | di Erasmo De Meo
In questo angolo di mondo
In sala
1
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Vivere è/e immaginare
Un film come In questo angolo di mondo, se fosse stato girato mezzo secolo fa, in bianco e nero e con attori in carne ed ossa, oggi potrebbe stare nel novero dei capolavori d’oriente, tra quelle opere che hanno ridefinito e ampliato il concetto di classicità nel cinema.

Come in tanto altro cinema giapponese di oggi rifarsi, per stile e temi, a quel modo di mettere in scena drammi interiori e collettivi, vuol dire trarre vigore da una radice ancora fecondissima, piena di calore umano, dispensato senza timore o riverenza alcuna, bensì con una naturalezza così vitale e così sincera da sorprendere ad ogni suo frutto. Katabuchi, al suo secondo lungometraggio d’animazione, narra la storia di Suzu, mediacritica_in_questo_angolo_di_mondo_290una piccola donna infaticabile e impacciata, piena di dolcezza e amante delle cose ordinarie. Il suo personaggio è delineato a scansioni temporali brevi e dense, sin dall’infanzia. Le didascalie segnano il passare degli anni, delle stagioni, dei mesi, finché nell’estate del 1945 – siamo nei dintorni di Hiroshima – la cronaca diviene quasi giornaliera. La vita di Suzu, in un “angolo di mondo” qualsiasi, cade sotto l’occhio (e sotto l’ombra) della storia mondiale; le colline che ha disegnato sin da piccola nei suoi ritratti e di cui conosce le erbe, i ritmi, la pigra e rasserenante ciclicità, diventano il centro di eventi, troppo grandi per la sua vita e per tutti gli esseri umani trascinati in quell’inferno di irresponsabilità. I bombardamenti di Hiroshima e Nagasaki hanno cambiato il volto dell’Uomo e della società umana, così come stravolgono l’aspetto di Suzu, il sorriso che lei ha perso è la capacità stessa di sorridere che, nella seconda metà del Novecento, è diventata un lusso, un’abilità da conquistare o, al contrario, un’inabilità da esorcizzare, da cui distrarsi. Finita la guerra l’umiltà di Suzu diventa forza e voglia di riscatto e una bambina, rimasta orfana, riconosce in lei una madre, ricostituendo un nucleo familiare che è come un mattone di positività su cui tornare a immaginare una casa comune e una vita normale. È impressionante quanto Katabuchi sappia dosare sentimento e presentimento, alternando i ritmi e mai smorzando l’attenzione, la novità, in un film dalla durata non indifferente. La sua tavolozza di emozioni è vasta e capace di sottili gradazioni e sfumature, a dimostrazione – se ancora ce ne fosse bisogno – di quanto l’animazione possa raccontare di tutto e a qualsivoglia intensità. In questo angolo di mondo è innegabilmente intenso e innegabilmente creativo, in più sezioni il disegno da classico si fa astratto, impressionista: le abilità di disegnatrice e pittrice di Suzu diventano il filtro attraverso cui vediamo le cose accadere, con un’identificazione empatica che raramente si raggiunge in altre opere. I bombardamenti sono così macchie di colore sulla tela del cielo, la morte su una bomba inesplosa è un incubo per gessetti bianchi e la fame si sazia con disegni di gelati nella polvere: l’immaginazione sostituisce la vita, è la vita.

In questo angolo di mondo [Kono sekai no katasumi ni, Giappone 2016] REGIA Sunao Katabuchi.
SCENEGGIATURA Chie Uratani, Sunao Katabuchi. DISEGNO Hidenori Matsubara. MUSICHE Kotringo.
Animazione/Drammatico, durata 131 minuti.

In questo angolo di mondo
4.5 4 90%

One Comment

  1. Kaiser Franz says:

    Film notevole, davvero

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly