adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

Oltre il giardino (1979)

sabato 30 settembre, 2017 | di Filippo Zoratti
Oltre il giardino (1979)
Film History
2
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

SPECIALE OSPITI INATTESI
La vita è uno stato mentale
Chance Giardiniere è un foglio bianco: non ha un’identità, non ha una storia, non possiede documenti e nessuno l’ha mai incrociato prima. Chance non è nessuno, e proprio per questo può essere chiunque. Ognuno può vedere riflesso in lui, a proprio piacimento, le caratteristiche che più preferisce: Chance è filosofo, è politico, è gran seduttore e uomo carismatico dal basso profilo che non lascia trapelare nulla di sé.

Tra chi sceglie di apparire – alle soglie della società dell’immagine propugnata dalla televisione – e chi decide pervicacemente di essere, c’è lui, che semplicemente “sta” al mondo. Qui è racchiuso il senso del titolo originale di Oltre il giardino, ovvero Being There: il protagonista passerebbe volentieri tutta la sua esistenza nella magione che lo ospita da quando ha memoria,mediacritica_oltre_il_giardino_290 offrendo in cambio le sue prestazioni da giardiniere, ma non può più. Il padrone di casa è morto e lui deve modificare per forza di cose il suo stato di immobilismo, spostandolo da dentro (le piante da curare, i pasti e le lunghe sedute davanti al mezzo catodico) a fuori. Non è uno sforzo eccessivo per l’analfabeta di mezza età Chance, semplicemente perché lui non ha la minima idea di cosa esista o meno all’esterno. La sua cifra è l’osservazione, asettica e distante, replicata all’infinito: quella “formativa” della tv e quella “concreta” dell’auto che appena uscito lo investe. Non a caso il Nostro resta stupito: il fatto di provare dolore gli sembra un’anomalia, rispetto alla quotidianità del piccolo schermo in cui guardare qualcuno farsi del male non modifica la sua condizione. Sbaglieremmo tuttavia a definirlo un pesce fuor d’acqua, un essere a disagio: nella villa che lo accoglie – per farsi curare dopo l’incidente – Chance (interpretato da un gigantesco Peter Sellers, che volle fortissimamente il film dopo essersi innamorato del romanzo di riferimento Presenze) è la persona giusta al momento giusto. È l’ospite inatteso che tutti aspettavano: su di lui si catalizzano i desideri di successione politica del vecchio Ben, le brame voluttuose della giovane Eve e le necessità culturali dell’alta società, che accoglie i suoi inviti alla “potatura dei rami secchi” come un’esortazione a superare il momento di crisi finanziaria (mentre lui, Chance, sta solamente parlando del prato poco curato che vede dalla finestra). Profetico e attualissimo, Oltre il giardino è un crogiuolo di modernità e un saggio sulla comunicazione umana che non invecchia mai. Un capolavoro di pungente satira che andrebbe rivisto ogni tot anni, per scoprire che il mondo là fuori continua ad essere popolato (e governato) da uomini privi di qualunque qualità, che proprio per la loro totale inettitudine sono i più adatti ad essere innalzati persino al rango di semi-dei. Fino a farli – letteralmente – camminare sulle acque…

Oltre il giardino [Being There, USA/Gran Bretagna 1979] REGIA Hal Ashby.
CAST Peter Sellers, Shirley MacLaine, Melvyn Douglas, Jack Warden.
SCENEGGIATURA Jerzy Kosinski (tratta dal suo romanzo Presenze). FOTOGRAFIA Caleb Deschanel. MUSICHE Johnny Mandel, Buffy Sainte-Marie, Eumir Deodato.
Commedia/Drammatico, durata 130 minuti.

Oltre il giardino (1979)
4.4 15 88%

2 Comments

  1. Erasmo says:

    Grande recensione per un grande film!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly