adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

Human Flow

sabato 7 ottobre, 2017 | di Filippo Zoratti
Human Flow
In sala
2
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

L’ambiguità del dissidente
Lo sfondo blu, il puntino bianco. L’esule Ai Weiwei – cui piace molto mettersi al centro della scena – parte da una traversata via mare, da un barcone zeppo di migranti che approda e scarica la sua merce. Ci sono i volti impauriti e infreddoliti, gli sguardi assenti e smarriti, i passi incerti e malfermi di chi fugge da una patria che ama ma dalla quale è vitale allontanarsi.

Ripetuti più volte nel corso della narrazione, ci sono poi i principi enunciati dalle Nazioni Unite all’inizio del secolo, ovvero “dignità, libertà, uguaglianza e solidarietà”. Nel lungo peregrinare dell’artista cinese – 23 Paesi, parte per il tutto delle 65 milioni di persone costrette a definirsi rifugiati, immigrati, richiedenti asilo – gli esseri umani non sono quasi mai degni né liberi, e neppure trattati in modo paritario da chi li ospita. mediacritica_human_flow_290È lo stridente e forte contrasto fra istanza teorica e ripresa “reale” l’elemento più convincente di Human Flow, instant movie fluviale di Ai Weiwei che ad altezza d’uomo espone cosa succede in Iraq, Grecia, Bangladesh, Malesia, Italia, Turchia, Libano e in decine di altre nazioni. L’intento così descritto è nobile, e il risultato pure… non conoscessimo chi tira le fila dietro la macchina da presa. Se a Venezia 74 il film è stato perlopiù stroncato o affrontato con diffidenza non è (solo) a causa della (indiscutibile) schizofrenia festivaliera: il problema è da sempre l’ambiguità che circonda l’autore, in tutte le sue espressioni. Si tratti di videoarte, fotografia, scultura o – appunto – cinema, sembra sempre lecito domandarsi dove finisca la performance studiata a tavolino e dove inizi l’urgenza della denuncia. O ancora, dove termini l’esibizione della disperazione e dove cominci la testimonianza partecipe. Ai Weiwei, per dimostrare di essere dalla parte dei più deboli, si fa scudo dietro alla sua personale vicenda di perseguitato, minacciato e incarcerato dal governo cinese per il suo attivismo politico e sociale. Si finisce quasi a pensare che Human Flow sia un documentario di Weiwei su Weiwei, tigre in gabbia (come il felino liberato nell’ultima parte del film, metafora della condizione palestinese) che si fa carico degli strazi del mondo ma solo se ben inquadrato dalla cinepresa (“come un Hitchcock capitato guarda caso là dove sbarcano i miserabili”, scrive Luca Beatrice su Film Tv). Ed in effetti è significativo che sui titoli di coda, più dei dati (l’Iraq che ospita 270 mila rifugiati, i profughi che in media passano 26 anni della loro vita lontano da casa) e delle singole storie (il superstite che piange sulle tombe della famiglia morta in mare, il ragazzo senza un braccio che denuncia la quotidianità sotto il regime dell’Isis) restino scolpiti in mente il faccione inutilmente onnipresente e il gigante egocentrismo fisico-artistico di Ai Weiwei.

Human Flow [Id., Cina/Germania 2017] REGIA Ai Weiwei.
SOGGETTO Chin-Chin Yap, Tim Finch, Boris Cheshirkov. FOTOGRAFIA Murat Bay, Christopher Doyle, Lv Hengzhong, Wenhai Huang, Koukoulis Konstantinos, Renaat Lambeets, Dongxu Li, Johannes Waltermann, Ai Weiwei, Ma Yan, Zanbo Zhang, Xie Zhenwei. MUSICHE Karsten Fundal.
Documentario, durata 140 minuti.

Human Flow
3.17 6 63.33%

2 Comments

  1. Navarria Gr. says:

    Bé… io capisco tutto, ma l’ho trovato lo stesso un film molto toccante. Più che mi innervosirmi mi fa faceva ridere la presenza del regista

  2. Ugo says:

    Troppo egocentrico lui; troppo presente; io ho dubbi sulla bontà di fondo dell’operazione, poi è vero che il film emoziona anche, a tratti è potente, ma dato il tema lo è inevitabilmente. Era lecito aspettarsi una rielaborazione più profonda e meno banale

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly