adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Loving Vincent

sabato 21 Ottobre, 2017 | di Martina Farci
Loving Vincent
In sala
2
Facebooktwittermail
Voto autore:

L’immortalità dell’arte
È il primo film interamente dipinto su tela: stiamo parlando di Loving Vincent, già vincitore del Premio del Pubblico al Festival d’Annecy e ora capace di conquistare il cuore degli spettatori e della critica, tanto da arrivare alla cinquina finale dell’Oscar per il Miglior Film d’Animazione contro i colossi Coco e Ferdinand.

Un film che parla di arte con l’arte stessa, e lo fa con uno dei suoi più amati protagonisti: Vincent Van Gogh. Ci troviamo in Francia nel 1891: a pochi mesi dal suicidio del pittore, il giovane Armand Roulin riceve l’incarico, dal padre postino, di recapitare una lettera al fratello, Theo Van Gogh. mediacritica_loving_vincent_290Il viaggio lo porterà a scoprire qualcosa di più sulla vita dell’artista e sulle persone che hanno trascorso con lui gli ultimi giorni. Se da qualche anno a questa parte abbiamo apprezzato la grande arte al cinema grazie al racconto di mostre, esposizioni ed artisti, qui lo spettatore si trova di fronte a qualcosa di magico e meraviglioso: più di mille dipinti realizzati da oltre cento pittori, per un risultato finale che ammalia e cattura, attraversato dai colori, dalla storia e dalla malinconia. Realizzato con la tecnica Painting Animation Work Station, Loving Vincent ci trasporta letteralmente nell’arte di Van Gogh, grazie anche ad una trama accattivante che indaga sulla sua morte e sulla sua personalità. Una narrazione che alterna passato e presente, bianco e nero alle tinte pastello, depressione a voglia di vivere, regalandoci il quadro generale di un artista che ha rivoluzionato l’arte contemporanea realizzando più di 800 opere, ma che in vita ne è riuscita a vendere solo una. Un artista che ha subito umiliazioni, che era deriso e considerato pazzo, ma che nel dipingere trovava la sua pace, offrendo al mondo il valore inestimabile del suo immenso talento. Genio e sregolatezza, ancora una volta, alla base di una persona tormentata che riusciva ad esprimersi solamente con un pennello in mano, sperando un giorno di arrivare al grande pubblico. E Loving Vincent, grazie anche ai 65.000 fotogrammi che lo compongono, ripercorre i passi e scopre le persone che hanno condizionato la sua vita e l’hanno ispirato, con la riproduzione stessa di alcune opere. Un’esperienza cinematografica che non ha precedenti, il cui risultato è talmente sorprendente da far capire l’importanza artistica e culturale di chi l’arte l’ha amata per davvero, nonostante una vita difficile e piena di contraddizioni ma quasi sempre rappresentata da colori forti e positivi. Perché, come ha detto lo stesso Vincent Van Gogh, “ho preferito la malinconia che sperasse, che avesse delle aspirazioni, che cercasse qualcosa, ad una disperazione cupa e stagnante”.

Loving Vincent [id., Gran Bretagna/Polonia 2017] REGIA Dorota Kobiela, Hugh Welchman.
CAST Douglas Booth, Robert Gulaczkyk, Chris O’Dowd, Eleanor Tomlinson, Saoirse Ronan.
SCENEGGIATURA Dorota Kobiela, Hugh Welchman, Jacek Dehnel. MONTAGGIO Dorota Kobiela, Justyna Wierszynska. MUSICHE Clint Mansell.
Animazione/Biografico, durata 94 minuti.

2 Comments

  1. Todd-01 says:

    Eh, qua siamo quasi al capolavoro! Chi se lo immaginava un film così. Bello, tanto tanto bello

  2. Juvenile says:

    Bellissimo! Sono d’accordo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly