adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Welcome to Willits

sabato 21 Ottobre, 2017 | di Edoardo Peretti
Welcome to Willits
TOHorror Film Fest
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

17° TOHorror Film Fest, 17-21 ottobre 2017, Torino

Because I got high
Giunto alla diciassettesima edizione il torinese TOHorror Film Fest conferma la sua volontà di dare uno sguardo il più possibile esauriente sulle varie tendenze dell’universo horror.

C’è l’esempio del film visionario al limite della videoarte dal fascino torbido e malato – Dis di Adrian Corona, ispirato alla leggenda della mandragola –, c’è quello del soprannaturale come cassa di risonanza di sentimenti e traumi – l’islandese Rift di Erlingur Thoroddsen, dove si sposano melodramma omosessuale e fantastico – e c’è quello della rielaborazione di canoni, cliché e stilemi tipici del genere. Welcome to mediacritica_welcome_to_willits_290Willits di Trevor Ryan, al suo esordio nel lungometraggio, appare come un buon esponente di quest’ultima tendenza. Un gruppo di teenager variamente assortiti campeggia in un bosco isolato. Nel frattempo, un abitante del luogo è ossessionato dagli alieni, dal fatto che lo perseguitino e lo rapiscano nel sonno; per combattere gli ospiti inattesi e per non cadere tra le braccia di Morfeo fa un decisamente ampio uso di droghe. È facile immaginare dove porterà la trama di Welcome to Willits. Non è certamente nell’intreccio più immediato che nascono il suo fascino e il suo divertimento. Decisivi sono il giusto equilibrio tra horror e commedia e il dosaggio ben calibrato tra umorismo e tensione. Il film però funziona perché è un buon esempio della tendenza generale, non dominante ma comunque importante, che vede una parte cospicua del cinema di paura statunitense contemporaneo riflettere, rielaborare e riaggiornare i canoni radicati del genere, pescando in particolare negli anni Ottanta. Non di certo una novità assoluta, ma che negli ultimi anni è diventata più evidente, radicandosi perlomeno negli spaventi mainstream; si vedano più banalmente l’esplosione di remake, prequel e reebot, e più sottilmente il classicismo palese di James Wan, volto quasi a dimostrare come non serva essere originali per far saltare gli spettatori sulla sedia, e la teorizzazione ironica e quasi parodica di Quella casa nel bosco. È proprio il film di Drew Goddard il parente più stretto di Welcome to Willits, che non ha lo stesso sottofondo teorico di riflessione (anche sconsolata) sul genere e sulle sue sorti, ma che è altrettanto divertente e vivace. L’originalità e l’efficacia nascono quindi dai singoli aspetti e dai dettagli, su tutti l’utilizzo grottesco e ironico della droga e la serie tv che pare interagire con l’ossessionato contadino protagonista. Che questo ripiegamento sui fasti passati, aldilà della qualità e dell’acume dei singoli casi, possa essere per il futuro dell’horror statunitense un bene o un male, se sia sinonimo di rielaborazione o di mancanza di idee, è ancora da vedere; se i risultati sono acuti e divertenti come Welcome to Willis noi ci godiamo il divertimento, in attesa di tirare le somme con più calma.

Welcome to Willits [id., USA 2016] REGIA Trevor Ryan.
CAST Bill Sage, Sabina Gadecki, Anstasia Baranova, Mark Webber, Dolph Lundgren.
SCENEGGIATURA Tim Ryan, Trevor Ryan. FOTOGRAFIA Amanda Treyz. MUSICHE Michael Perfitt.
Horror, durata 82 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly