adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

La battaglia dei sessi

sabato 28 ottobre, 2017 | di Juri Saitta
La battaglia dei sessi
In sala
1
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Lo shock di Hollywood, il magnetismo di Emma
Spesso i film storico-biografici raccontano il passato per riflettere il proprio presente riferendosi a problematiche ancora attuali e/o a eventi e personaggi della cronaca più recente. La battaglia dei sessi di Jonathan Dayton e Valerie Faris (Little Miss Sunshine, Ruby Sparks) sembra seguire entrambe le direzioni.

L’opera narra la vicenda di Billie Jean King, campionessa di tennis femminile che negli anni Settanta ha combattuto per la parità retributiva tra uomini e donne. Una lotta che la protagonista ha dovuto affrontare creando un torneo indipendente e sfidando in diretta tv Bobby Riggs, ex campione di tennis famoso per i suoi eccessi e, soprattutto, per il suo forte maschilismo.mediacritica_la_battaglia_dei_sessi_290 Se da un lato il film tratta in modo a volte scanzonato e comunque senza retorica temi ancora molto sentiti come la discriminazione sessuale e la lotta per l’eguaglianza, dall’altro cela degli indiretti ma chiari riferimenti alle presidenziali statunitensi dello scorso anno. Infatti, la sfida tra la tennista diligente e determinata e l’ex campione dai modi volutamente sopra le righe e con un forte senso dello spettacolo non può non ricordare la corsa alla Casa Bianca tra la discutibile ma navigata Hillary Clinton e il populista da reality show Donald Trump. Un evento che, visti i risultati finali, ha indubbiamente coinvolto e scioccato la Hollywood più progressista, che ora sembra metaforizzare (e forse metabolizzare) tale avvenimento. Ma al di là dei suoi contenuti, La battaglia dei sessi risulta interessante anche e soprattutto per le sue scelte formali: qui i due autori non solo ci immergono nelle atmosfere degli anni Settanta tramite una ricostruzione storica molto accurata, ma omaggiano anche il cinema americano dell’epoca adottando, in una forma magari un po’ più patinata, alcune “sperimentazioni” linguistiche della New Hollywood, come l’occasionale e improvviso utilizzo dello zoom, i primi piani e i montaggi “irregolari” e l’uso di luci leggermente sovraesposte. Accorgimenti stilistici sfruttati principalmente nei momenti dedicati alla sfera privata e sentimentale dei personaggi per evidenziare il tasso emotivo delle sequenze e mettere in rilievo la bravura degli attori protagonisti, in particolar modo quella di Emma Stone, della quale vengono sottolineati gli sguardi più irrequieti, i gesti più decisi e i movimenti più sofferenti e imbarazzati. Il risultato è una performance esaltata in tutto il suo mimetismo e il suo carisma, il suo fascino e il suo magnetismo. Questo in un’opera che nella seconda parte si fa forse più convenzionale e meno sorprendente, ma che nel complesso risulta alquanto apprezzabile per la sua capacità di coniugare passione civile, stratificazione tematica e raffinatezza linguistica.

La battaglia dei sessi [Battle of the Sexes, USA/Gran Bretagna, 2017] REGIA Jonathan Dayton, Valerie Faris.
CAST Emma Stone, Steve Carell, Andrea Riseborough, Sarah Silverman, Martha Maclsaac.
SCENEGGIATURA Simon Beaufoy. FOTOGRAFIA Linus Sandgren. MUSICHE Nicholas Britell.
Biografico/Sportivo, durata 121 minuti.

La battaglia dei sessi
3.33 3 66.67%

One Comment

  1. Softy says:

    Una storia che non conoscevo! Ed Emma Stone di nuovo da Oscar :)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly