adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

Omaggio a Gustav Deutsch

sabato 25 novembre, 2017 | di Francesco Grieco
Omaggio a Gustav Deutsch
Archivio Aperto
0
Facebooktwittergoogle_plusmail

10° Archivio Aperto, 27 ottobre – 2 dicembre 2017, Bologna

L’umanità, un’unica grande famiglia
A Gustav Deutsch Archivio Aperto 2017 ha dedicato ben due appuntamenti, una proiezione serale di alcuni dei suoi film e un incontro con il pubblico, in cui il filmmaker austriaco e la moglie Hanna Schimek, graphic designer e pittrice, hanno illustrato il loro metodo di lavoro, dalle forti basi teoriche, con particolare riferimento a How We Live. Messages to the Family, la loro ultima opera.

How We Live è un film sulle immagini che, nelle riprese di persone trasferitesi da una nazione all’altra, acquistano valori molteplici, sia come forma di autorappresentazione, sia di comunicazione con i parenti rimasti in madrepatria. Se un tempo gli inglesi e gli olandesi che vivevano nelle colonie potevano solo spedire questi film in 16mm alle famiglie lontane,mediacritica_gustav_deutsch_290 oggi all’amico e collaboratore marocchino di Deutsch, Mostafa Tabbou, che da Figuig è andato a vivere nella località olandese di Den Bosch, è sufficiente utilizzare un servizio di messaggeria istantanea o creare un profilo Vimeo per diffondere con facilità i propri film. How We Live, di cui è stato possibile vedere solo alcuni estratti, è musicato in parte da Christian Fennesz e accompagnato dalla voce over di Deutsch. Contiene, tra le altre, immagini tratte dai Super8 a colori della famiglia olandese dei Kortelings e dai 109 film in 8mm di Roberto Spartaco Scarpellini, uno scapolo che era solito filmare matrimoni a Boston e funerali (rarissimi, in genere, perché tabù, negli home movies) in Italia. Deutsch e Schimek hanno esaminato una quantità innumerevole di film in Inghilterra, in Italia (presso l’archivio bolognese di Home Movies), nell’Austrian Film Museum, nel Film Archive Austria, nell’EYE Film Museum di Amsterdam. E hanno integrato questo materiale d’archivio anche con le riprese effettuate durante il viaggio recente da Den Bosch a Figuig, in compagnia di Mostafa. Durante la consultazione degli archivi, Hanna prende sempre delle note, riproducendo con i suoi disegni le inquadrature più utili, sulla base dell’idea centrale su cui è strutturato il film da realizzare, leggendo tra le righe dei fotogrammi, alla ricerca di dettagli nascosti. Il cinema raffinato di Deutsch, infatti, fa del dettaglio uno dei suoi punti di forza. In Adria – Holiday Films 1954-68 (The School of Seeing I), forse il suo film più famoso e importante, le immagini d’archivio delle prime vacanze dei cineamatori austriaci sono montate e classificate secondo un ordine preciso, prevalentemente per movimenti di macchina e situazioni o gesti ricorrenti. Il linguaggio cinematografico viene vivisezionato e la riflessione su di esso si serve, così, di questi frammenti di immaginario collettivo e di vita, di innegabile valore sociologico e teorico. In Sat. 29th June / Arctic Circle, anch’esso realizzato nel 1990, due coppie girano un videodiario quotidiano e consapevole, al Polo Nord: ai sette giorni della settimana, mostrati anche su un calendario sorretto dai protagonisti, corrispondono le sette note del pentagramma, suonate da una fisarmonica. No Comment – Minimundus AUSTRIA (1996), invece, è un lavoro su commissione, in cui al materiale extra mai utilizzato da Euro News sono sovrapposte didascalie menzognere, che indicano una data e un luogo inventati, e suoni artificiali. Un invito a non fidarsi troppo dei telegiornali. Infine, Private Sandnes – A Kinematographic Atlas (2010), monta immagini dell’archivio locale della città norvegese Sandnes, in 8mm, in Super8, in 16mm, riprese fatte con lo smartphone o con i droni, video da youtube, VHS, Mini DV, associando il tutto per analogia. Nell’eterogeneità di supporti e contenuti, nella varietà di comportamenti degli abitanti di Sandnes, lo sguardo infallibile di Deutsch si immerge lucidissimo, e ne viene fuori un appassionante atlante sui generis, non privo di ironia, di una località lontana.

VOTA IL FILM

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly