adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

La ruota delle meraviglie

sabato 16 dicembre, 2017 | di Emanuele Rauco
La ruota delle meraviglie
In sala
3
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Arriva l’uomo della sabbia
Il teatro non è solo un omaggio in La ruota delle meraviglie, il nuovo film di Woody Allen, ma è il filtro attraverso cui raccontare la storia di Ginny, una cameriera con un passato frustrato da attrice, del marito un po’ beone e ruvido ma non cattivo, della figlia di primo letto di lui che ha lasciato il gangster con cui era sposata e che ora la vuole far fuori e del bagnino che racconta la storia, che forse l’ha scritta perché aspirante drammaturgo e che s’innamora prima di Ginny e poi della figliastra.

Allen scrive questo dramma venato di ironia meta-linguistica ma che ci mette poco per smarcarsi dal gioco, seppure gustoso, stile Melinda e Melinda, perché ciò che gli interessa è il ritratto di due donne che poco a poco diventa la discesa negli abissi di una delle due (da Blue Jasmine a Sunset Ginny, per citare Francesco Alò): costruire un mondo falso all’esterno ma ineluttabile al suo interno che risucchia tutti i personaggi e caricare il dolore sulle spalle sacrificali di una sola donna. mediacritica_la_ruota_delle_meraviglie_290E in secondo luogo ad Allen interessa restituire la pervasività del meccanismo teatrale attraverso la potenza di quello cinematografico. Partendo innanzitutto dal filtro: un filtro narrativo (quattro personaggi che entrano ed escono dalle vite altrui come dalle quinte raccontati da uno di loro, forse il loro demiurgo, sconfitto come tutti), ambientale (i set), attoriale (fino al monologo finale di Ginny, una magnifica Kate Winslet, vitale, afflitta e conturbante), umano e filmico che dà un nuovo campo d’azione al pessimismo ironico di Allen; un filtro interpretato da Justin Timberlake che regola registri, scelte e idee di regia, citazioni (O’ Neill soprattutto ma anche Williams, Wilder, Miller) e distorsioni della percezione dello spettatore e che si condensa in un’idea di cinema che lascia senza fiato a tratti e che trova in Vittorio Storaro un vero co-regista: il suo uso della luce e dell’immagine digitale supera il pur pregevole lavoro fatto per Allen in Café Society in un tripudio di dettagli e quadri che scolpiscono i personaggi, di luci che sfumano di continuo in un caleidoscopio espressivo iperrealista, di movimenti di macchina di grazia e splendore capaci di rendere cinema alto la fluidità naturale del palcoscenico. E che Allen sia anche un maestro di cinema e regia ce lo ricorda il montaggio di Alisa Lepselter, simbolico nell’uso di dissolvenze incrociate e stacchi concettuali che arricchiscono a livello visivo e intellettuale un dramma in equilibrio tra cerebralità e viscere, imploso, senza catarsi, suggellato da un finale meraviglioso e letteralmente fiammeggiante.

La ruota delle meraviglie [Wonder Wheel, USA 2017] REGIA Woody Allen.
CAST Kate Winslet, Juno Temple, Jim Belushi, Justin Timberlake.
SCENEGGIATURA Woody Allen. FOTOGRAFIA Vittorio Storaro. MONTAGGIO Alisa Lepselter.
Drammatico, durata 101 minuti.

La ruota delle meraviglie
2.5 8 50%

3 Comments

  1. Collins says:

    Puro teatro! Meraviglioso! E che fotografia da urlo

  2. Bitesthestars says:

    Bellissima fotografia e una Kate Winslet fantastica, però non è che mi sia piaciuto molto altro (parere personale!)
    La recensione è molto ben scritta.

  3. Pingback: La Top Ten Mediacritica 2017 - Mediacritica – Un progetto di critica cinematografica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly