adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

Chiamami col tuo nome

sabato 27 gennaio, 2018 | di Chiara Checcaglini
Chiamami col tuo nome
Speciale
2
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

SPECIALE CINEMA LGBTQ
“Oh, will wonders ever cease?”
L’adattamento di James Ivory della storia dell’amore estivo tra Oliver, in vacanza-studio nella residenza estiva del professor Perlman, archeologo, e il di lui figlio diciassettenne, Elio, si consuma in un contesto socio-culturale talmente idilliaco da rasentare l’impossibile: una villa lussureggiante nella campagna fuori Crema, una famiglia poliglotta, coltissima e di molto aperte vedute, un adolescente che legge continuamente e riarrangia musica classica per hobby, contornato da amiche bellissime.

Ce ne sarebbe abbastanza da far alzare il sopracciglio, se Chiamami col tuo nome non fosse anche una delle più intense e felici rappresentazioni dell’innamoramento, del desiderio e del sesso, che si nutre scena dopo scena di quell’ambiente protetto e senza tempo: Grillo in TV, Craxi che avanza ed effigi di Mussolini ancora appese a qualche casa non sono che un contorno che in nessun modo può scalfire la voracità incerta di Eliomediacritica_chiamami_con_il_tuo_nome_290 né la fisicità sfacciata di Oliver (ruoli della vita per Timothée Chalamet e Armie Hammer) e delle statue che occhieggiano dalle diapositive del professore. È evidentemente questa la dimensione narrativa e visiva in cui la regia di Guadagnino si esprime al meglio, dove la maniera è perfettamente controbilanciata dall’assenza di dramma e del peso di un punto d’arrivo. La chiave è nel titolo stesso: il reciproco scambio del nome è l’emblema del contrario del possesso, è il donarsi attivamente, prendendo l’uno dall’altro; non inseguimento ma incontro, dove il più giovane, inesperto e naturalmente irrequieto è anche il più audace, quello meno imbrigliato dal pregiudizio sociale – anche per casuale “privilegio di nascita”, a differenza di Oliver, di famiglia più tradizionale. Le tappe riconoscibili dell’innamoramento si stratificano languide su un tappeto di suggestioni sonore (ottima la selezione musicale, da Franco Battiato a Sufjan Stevens) e visive quasi più esplicite nel corso del corteggiamento (sguardi, spalle, nuche, gambe, sfioramenti e gli onnipresenti frutti), che quando si giunge all’incontro vero e proprio, in cui la macchina da presa si mostra inspiegabilmente pudica (ben più che nelle precedenti scene di sesso eterosessuale). E infine una manciata di sequenze memorabili: la dichiarazione −“because I wanted you to know”− presso l’ingombrante monumento alla battaglia del Piave che sembra uno strano corrispettivo dell’“elephant in the room”; uno splendido dialogo padre-figlio di reciproca apertura e comprensione, che esalta la bravura di Michael Stuhlbarg; il citatissimo long-take finale, sguardo in macchina di lacrime e aggrovigliamento emotivo. Una chiusa necessariamente struggente eppure emblematica di una pienezza esperienziale priva di sofferenza.

Chiamami col tuo nome [Call Me By Your Name, Italia/Francia/USA/Brasile 2017] REGIA Luca Guadagnino.
CAST Timothée Chalamet, Armie Hammer, Michael Stuhlbarg, Amira Casar, Esther Garrel.
SCENEGGIATURA James Ivory (tratta dall’omonimo romanzo di André Aciman). FOTOGRAFIA Sayombhu Mukdeeprom. MUSICHE Sufjan Stevens.
Sentimentale, durata 132 minuti.

Chiamami col tuo nome
3.3 11 65.45%

2 Comments

  1. Metti in circolo il tuo amore says:

    Un pianto di enigmatica complicità. Un film, a suo modo, tranquillo.

    Questa ottima recensione ne rende perfettamente l’idea.

  2. Moschio says:

    Grande film, che resta in testa, e grandi interpretazioni!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly