adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

A casa tutti bene

sabato 17 febbraio, 2018 | di Filippo Zoratti
A casa tutti bene
In sala
4
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Sussurri e grida
Il cinema di Gabriele Muccino urta, infastidisce, irrita. Quasi quanto quello di Luca Guadagnino, un autore che la critica italiana odia da sempre ma che ora è quasi controvoglia costretta a riconsiderare, rivedere, riabilitare.

Le analogie fra i due però sembrano finire qui, perché se a Guadagnino viene imputata la grave colpa di ispirarsi spocchiosamente ai maestri francesi della Nouvelle Vague – con corollario di lese maestà – il demerito maggiore di Muccino pare essere all’opposto quello di credere apertamente al commerciale, al nazional-popolare, al melò della banalità.mediacritica_a_casa_tutti_bene_290 I maestri di Muccino sono Risi e Monicelli, guide spirituali della commedia reinterpretate dal regista romano come fosse il direttore della fotografia Duccio di Boris: aprendo tutto, esasperando i concetti, smarmellando i caratteri in gioco. A casa tutti bene inizia con la voce off di Stefano Accorsi, ma è come se a parlare fosse Muccino stesso: «Dicono che la famiglia sia il nostro punto di partenza, poi di fuga e alla fine di ritorno». Si comincia con le disfunzioni familiari di L’ultimo bacio e Ricordati di me, si scappa a gambe levate verso l’America di La ricerca della felicità e Sette anime e infine si ritorna verso “L’isola che non c’è” (titolo di lavorazione di A casa tutti bene, modificato in corso d’opera), abitata da una dozzina di nomi di punta del cinema italico, epicentro di un terremoto emotivo che si fa compendio della filmografia mucciniana. I nonni, i genitori, i figli, i fratelli e i cugini: lo sforzo per dare un senso a tutta la genealogia è titanico, ma quasi non è necessario; ciò che conta è assimilare i frammentati drammi che ognuno di loro vive, accettare i vorticosi inseguimenti della macchina da presa mentre si consuma un litigio, un corteggiamento, un pianto o una riappacificazione. E anche se la vita reale non è così alla fine per qualche oscuro motivo si finisce quasi per credere ai sussurri dimessi di Favino (protagonista occulto della pellicola, un po’ come a Sanremo) e alle grida isteriche di Crescentini, al fatto che due 16enni conoscano perfettamente il testo di Margherita di Cocciante e che si sfiori il ridicolo ad ogni sequenza, agli immani luoghi comuni dei dialoghi e all’endemica inesistenza di una scala di grigi fra il bianco della felicità e il nero della tragedia. È in virtù di questo “nomadismo sentimentale” (Marzia Gandolfi, mymovies.it) aumentato e anabolizzato che, sparando nel mucchio, prima o poi alcune corde emotive per forza di cose finiscono per vibrare. Gabriele Muccino si odia, per ciò che mette in scena e per il modo in cui lo fa. Ma sotto sotto – ragione per cui l’astio aumenta a dismisura – un po’ si finisce sempre per dargli ragione.

A casa tutti bene [Italia 2018] REGIA Gabriele Muccino.
CAST Stefano Accorsi, Claudia Gerini, Pierfrancesco Favino, Sabrina Impacciatore, Gianmarco Tognazzi.
SCENEGGIATURA Gabriele Muccino, Paolo Costella. FOTOGRAFIA Shane Hurlbut. MUSICHE Nicola Piovani.
Drammatico, durata 105 minuti.

A casa tutti bene
2.3 15 46.67%

4 Comments

  1. Ishi says:

    Che mattonata! Ma che bravo Tognazzi, non l’avrei mai sospettato

  2. Xerox says:

    che bella recensione! mi basta quella, il film non lo vedrò comunque XD

  3. Adone666 says:

    Grazie Zoratti! Non vedo l’ora di vederlo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly