adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

L’angelo azzurro (1930)

sabato 17 febbraio, 2018 | di Juri Saitta
L’angelo azzurro (1930)
Film History
0
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

SPECIALE AMORI IMPOSSIBILI
L’amore e la perdizione
Nel cinema tedesco tra le due guerre sono piuttosto frequenti i film incentrati sul declino morale e materiale dei loro protagonisti, che con le loro drammatiche vicissitudini riflettono spesso l’atmosfera inquieta della Repubblica di Weimar.

Va in tale direzione anche L’angelo azzurro di Josef von Sternberg, pellicola che sembra avere qualche punto in comune con un altro titolo del periodo: L’ultima risata, il capolavoro muto di Friedrich W. Murnau. I due film, infatti, hanno entrambi il massiccio e istrionico Emil Jannings nel ruolo più importante e, soprattutto, una storia che si basa sostanzialmente su un’autorità che viene degradata e fortemente messa in discussione. mediacritica_l_angelo_azzurro_290E se nell’opera di Murnau la discesa negli inferi del protagonista cominciava da un demansionamento professionale, in quella di Sternberg la rovina del personaggio avviene per amore: qui si racconta di Unrath, un anziano e austero professore che s’innamora e si sposa con Lola, una cantante di una compagnia malfamata, conducendo se stesso alla perdizione e all’infelicità. Un declino, quello dell’insegnante, che dipende proprio dall’amore impossibile che prova per la ragazza, la quale è il suo polo opposto, non solo per età e fisicità (elementi ben sottolineati dalla recitazione del volutamente goffo Jannings e della sensuale Dietrich), ma anche per ceto e valore simbolico. Così, se il professore incarna l’autorità morale e culturale del Paese, la donna ne rappresenta la parte più libera, disinibita e peccaminosa. E nell’incontro tra questi poli opposti, sarà proprio il più “corrotto” a prevalere, in quanto annullerà il potere dall’insegnante, assorbendolo e umiliandolo fino a farlo completamente deflagrare, in quella che può essere letta una metafora più o meno voluta sull’instabilità tedesca dell’epoca. Tutti elementi ben evidenziati dalla regia di Sternberg, che sfrutta ogni elemento figurativo in senso drammatico: dagli oggetti di scena (la cinepresa indugia spesso sugli indumenti intimi di Lola per evidenziare la carica sessuale della storia) al posizionamento dei personaggi nello spazio (Jannings è spesso inquadrato in posizione d’inferiorità rispetto alla Dietrich), dal bianco e nero contrastato del finale alle scenografie, che con le loro strade buie, deserte e sinistre sottolineano il climax malsano della vicenda. Tutto ciò in un’opera che partendo da una storia d’amore impossibile rispecchia più o meno volutamente e direttamente la crisi sociopolitica del periodo, non solo tramite la narrazione, ma anche attraverso una messa in scena che sfrutta in modo alquanto espressivo i diversi mezzi a disposizione, dando vita a un film intenso e potente, giustamente ricordato come un caposaldo della storia del cinema.

L’angelo azzurro [Der blaue Engel, Germania 1930] REGIA Josef Von Sternberg.
CAST Emil Jannings, Marlene Dietrich, Kurt Gerron, Hans Albers, Reinhold Bernt.
SCENEGGIATURA Carl Zuckmayer, Karl Vollmoller, Robert Liebmann (tratta dal romanzo Il professor Unrat di Heinrich Mann). FOTOGRAFIA Günther Rittau, Hans Schneeberger. MUSICHE Frederick Hollaender.
Drammatico, durata 98 minuti.

L’angelo azzurro (1930)
4.5 2 90%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly