adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

Lady Bird

sabato 3 marzo, 2018 | di Francesco Grieco
Lady Bird
In sala
4
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Chiamami con il mio nome
Tra i più recenti successi della A24, è il vero debutto alla regia di Greta Gerwig, dopo Nights and Weekends (2008), il mumblecore co-diretto e interpretato insieme a Joe Swanberg, pieno di scene erotiche buffe, proprio come quella in cui la protagonista di Lady Bird perde la verginità.

Dai tempi di Nights and Weekends, Gerwig ha sviluppato il suo talento naturale partecipando a un cinema più narrativo, rubando i segreti del mestiere a registi come il suo compagno Noah Baumbach, per il quale è stata co-sceneggiatrice e attrice in due tra le commedie più interessanti degli ultimi anni: Frances Ha e Mistress Americamediacritica_lady_bird_290Trovata nell’ottima Saoirse Ronan la Lady Bird che cercava, Gerwig mette in scena una storia di vaga ispirazione autobiografica: l’adolescenza nella noiosa Sacramento, California, la madre infermiera, la scuola religiosa, la passione per il teatro. Christine, che solo alla fine imparerà ad accettare il proprio nome, senza più costringere chiunque a chiamarla “Lady Bird”, e a fare pace con le proprie radici, con la città da cui proviene e con la severa genitrice, ha in comune con i personaggi a cui ha dato corpo la Gerwig da attrice un mix irresistibile di simpatica nevrosi, ambizione e infantilismo. Ma, per ammissione della stessa Gerwig, ha una personalità decisamente più estrosa e ribelle della sua autrice. Tutti i cliché del coming of age e del cinema indie da Sundance, dalle problematiche famigliari alle musiche alternative rock (Alanis Morrissette, Dave Matthews, Ani Di Franco, i poster delle riot grrrls in camera), dai colori freddi alla luce grigiastra, non impediscono allo spettatore di percepire la sincerità del racconto. E, come nei film di Linklater, non mancano i riferimenti precisi al momento storico in cui le vicende sono ambientate. Qui siamo nel 2002, poco dopo l’11 settembre. Quando l’amica Julie, sapendo che Christine desidera ardentemente iscriversi a una delle università di New York, domanda “What about terrorism?”, Lady Bird puntualmente risponde “Don’t be republican”. C’è un sano intento satirico nei confronti di una serie di tipologie di poser che chiunque ha incontrato nella vita, dai vegani più fanatici come il fratello di Christine e la sua ragazza, che fuma chiodi di garofano, ai bei tenebrosi snob tutti ciuffo e chitarra come Kyle, la cui band prende il nome da un film di Pialat. Fino alla “bella del paese”, la ricca Jenna, a cui Christine, facile alla menzogna, inizialmente nasconde la “normalità” della propria abitazione, non diversamente da come Danny tiene nascosta la propria omosessualità e da come la madre di Christine reprime l’affetto per la figlia. Gerwig è attenta a tutti i suoi personaggi. Un’attenzione che, insegna la madre superiora, direttrice della scuola, forse non è così lontana dall’amore.

Lady Bird [Id., USA 2017] REGIA Greta Gerwig.
CAST Saoirse Ronan, Laurie Metcalf, Tracy Letts, Timothée Chalamet, Lucas Hedges.
SCENEGGIATURA Greta Gerwig. FOTOGRAFIA Sam Levy. MUSICHE Jon Brion.
Commedia, durata 94 minuti.

Lady Bird
2.8 12 56.67%

4 Comments

  1. dziga vertov says:

    Bellissimo film bellissimo

  2. JaneLane says:

    una rappresentazione bellissima e niente affatto scontata della “girlhood” e dell’amicizia femminile, oltre a un credibilissimo rapporto madre-figlia.

  3. Mario says:

    Sono d’accordissimo con la recensione, è un film davvero gradevole

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly