adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

E ora parliamo di… Steven Spielberg

sabato 31 marzo, 2018 | di Edoardo Peretti
E ora parliamo di… Steven Spielberg
Review
0
Facebooktwittergoogle_plusmail

Radiografie
Nel giro di pochi mesi Steven Spielberg ha convinto critica e pubblico con l’impegnato The Post e con il stratificato blockbuster Ready Player One. Due opere, se si esclude il fatto che siano entrambe girate come ci si aspetta da Spielberg – cioè, alla perfezione −, all’apparenza difficilmente avvicinabili.

Del resto, trovare le coordinate di un cinema più complesso e variegato di quanto si possa pensare nell’immediato come quello di Steven Spielberg non è così semplice, e molto dipende da dove viene puntato il lumicino: sulla retorica talvolta eccessiva e ridondante, sul fiuto per i grandi successi, oppure sull’immensa capacità di lavorare sull’immaginario collettivo o sulle riflessioni più amare d’inizio carriera o degli ultimi anni. I detrattori convinti non sono pochi, e considerano l’autore campione di retorica e dei blockbuster più mediacritica_steven_spielberg_290sentimentalisti e ruffiani, bandiere del più banale orgoglio a stelle e strisce. Come a volergli fare pagare con il loro distacco il fatto che Spielberg sia il regista che più ha incassato nella storia del cinema hollywoodiano (e quindi, non solo), spesso scendendo a patti con le regole del grande film di cassetta. In realtà Spielberg è certamente sempre stato conscio e affascinato sostenitore della magnificente natura di spettacolo popolare del cinema, e del suo potenziale più immediato, e talvolta anche ingenuo, di veicolo verso il sogno, la magia e la meraviglia; uno spettacolo a misura d’innocenza di bambino, la stagione della vita del protagonista del suo film sotto certi aspetti forse più significativo perché comprende quasi tutte le essenze del suo cinema, comprese le contrastanti tra loro: A.I. Intelligenza Artificiale. Spielberg è stato però anche uno dei principali cantori dell’uomo medio americano, dei suoi valori, delle sue speranze e delle sue paure. Il suo cinema è stato spesso una sorta di radiografia, molto più profonda delle apparenze, della spina dorsale della società americana, e una sismografia dei sommovimenti sotterranei che hanno minato la sua base e i suoi valori. Valori che, nella loro essenza, il regista ama esaltare e difendere, soprattutto se li considera in pericolo: con magari troppa retorica se c’è entusiasmo, ma con estrema lucidità e sincerità se qualcosa non gli torna. Al centro di molti suoi film c’è infatti la tensione che un evento inaspettato e grandioso provoca in questi valori e in chi li rappresenta, che sia quest’evento un camion impazzito, l’arrivo – pacifico o minaccioso − degli alieni, un conflitto civile, un profugo che vaga nell’aeroporto, l’attacco alla libertà di stampa o la guerra fredda. È inutile ribadire che l’11 settembre sia stato nella storia recente il più tragico sommovimento che ha scosso nel profondo gli Stati Uniti e la loro auto-percezione, ma è meno ovvio sottolineare che è stato Spielberg – probabilmente proprio perché entusiasta sostenitore − uno degli autori più lucidi nel cogliere la crisi e il traballamento dei valori più profondi dell’”American Way Of Life” e della consapevolezza statunitense. Regalando almeno un capolavoro: Lincoln, il nuovo asciutto schema dell’eroe americano, sofferto, all’occorrenza cinico, ricco di chiaroscuri e travagliato. Confermato dalla straordinaria e fordiana prima parte de Il ponte delle spie, che poi verso il finale lascia sempre più spazio alla retorica che poco piace ai detrattori, dalla rabbia implacabile e non urlata di The Post e dai sottotesti che animano Ready Player One.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly