adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

Tonya

sabato 31 marzo, 2018 | di Edoardo Peretti
Tonya
In sala
9
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Più in là, più in là, più giù
Tonya di Craig Gillespie entra di diritto in quella tendenza che cerca di dare maggiore complessità e ambiguità al vituperato “bio-pic”, per molti il genere più didascalico, dove è più difficile fuggire alle maglie della monodimensionalità, dell’agiografia e della semplice esposizione dei fatti; film che cercano di creare un rapporto più forte tra racconto biografico e realtà del contesto raccontato, anche – anzi, soprattutto – con la forza delle ambiguità.

Tonya è infatti dedicato ad un personaggio ambiguo e contradditorio: la pattinatrice Tonya Harding, famosa per essere stata la prima atleta ad avere eseguito il quasi impossibile triplo axel, così come per essere un oggetto estraneo alle aspettative e alle apparenze tipiche del mondo del pattinaggio artistico. mediacritica_tonya_290Sboccata e verace, Tonya è infatti tipicamente “white trash”, abituata fin da piccola a convivere con la violenza, l’aridità dei sentimenti e dei rapporti, il maschilismo violento e possessivo e lo “sfruttamento emotivo”. La Harding è diventata celebre soprattutto per il suo presunto coinvolgimento nell’aggressione alla rivale Nancy Kerrigan, che le costò la carriera e nella quale il suo ruolo non è mai stato davvero chiarito.
Il film ruota principalmente intorno a questo fatto. A Gillespie però la ricostruzione del fattaccio e la verità interessano poco; interessa molto più comporre il ritratto di un simbolo vivente del fallimento e della sconfitta e raccontare l’evaporazione di un talento enorme mai esploso a causa di qualche colpa propria e soprattutto a causa del contesto. Partendo dalla simbolica figura d’incompiuta della Harding e del suo radioso avvenire rimasto dietro l’angolo, Tonya vuole infatti essere il ritratto problematico e contraddittorio di una fetta di società: l’America più profonda annusata con la puzza sotto il naso, povera e abbandonata a se stessa, dove non basta un enorme talento per poter fuggire e che continuamente si cerca di nascondere come la polvere sotto il tappeto. Tra i molti temi sfiorati, il contrasto tra la “white trash” e il mondo delle apparenze e delle aspettative diffuse e ufficiali è forse il più interessante e problematico.
Tonya sarebbe quindi potuto essere un film, data l’attualità, politico, presente e urgente. Nella superficie può sembrarlo, ma nella sostanza un po’ meno. Raramente scandaglia la realtà, limitandosi ad enunciarla in maniera più furba che efficace. Discorso simile per il coinvolgimento emotivo più immediato; c’è un senso di adrenalinica partecipazione che svanisce presto e raramente una reale intensità che rimane ed emoziona. Questione (anche) di stile? La cinepresa aggressiva e lo stile roboante più che il barocchismo del citato Scorsese ricordano il virtuosismo d’accatto di registi come David O. Russell; quindi sì, forse è anche in parte una questione di stile.

Tonya [I, Tonya, USA 2017] REGIA Craig Gillespie.
CAST Margot Robbie, Allison Janney, Sebastian Stan, Paul Walter Hauser, Julianne Nicholson.
SCENEGGIATURA Steven Rogers. FOTOGRAFIA Nicolas Karakatsanis. MUSICHE Tatiana S. Riegel.
Biografico, durata 119 minuti.

Tonya
3.6 20 71%

9 Comments

  1. Paoletto ferragina tirchi says:

    Un filmone assoluto. Da 5 stellette. Divertente, irriverente, struggente e tutti gli ente del mondo.

  2. Stefania dal sonaglio says:

    Film gigantesco, come stratosferica è l’interpretazione di M. ROBBIE

  3. Pietro Ingrao says:

    Io una zozzeria simile l’ho vista raramente

  4. Pino stallo says:

    Io invece credo sia il film dell’anno. Bellissimo!

  5. Tiang Hon says:

    Meglio di questo c’è solo il duetto spielberghiano politico-fantascientifico. Interpretazioni memorabili, crudeltà e devastazione di un’antieroina, zero retorica, zero pacificazione. Stupendo!

  6. Stromfg says:

    Film che non ammicca, non asseconda, non compiace, non rasserena e si mantiene sempre su un perfetto equilibrio tra forma e contenuto

  7. Samvise says:

    “il virtuosismo d’accatto di registi come David O. Russell”: concordo concordo

  8. Pokemon2 says:

    Film assolutamente superbo!

  9. Gamgee says:

    Mi è piaciuto moltissimo. Senza forse, uno dei film più belli dell’anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly