adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

Loro 1

sabato 28 aprile, 2018 | di Gabriele Baldaccini
Loro 1
In sala
3
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Segreti superficiali e corpi bellissimi
“Che registi mi piacciono? Quelli che ti fanno capire chi diavolo ha fatto quel film”, sosteneva con convinzione il maestro Howard Hawks. Come dargli torto. Sul fatto che Paolo Sorrentino sia un regista il cui stile è estremamente riconoscibile ci sono ormai pochi dubbi al riguardo. Qualche dubbio invece viene mosso da molti sull’effettiva qualità estetica di questa sua riconoscibilità. Ma un autore è un autore e, spesso, o lo si ama o lo si odia.

Detto questo, parlare della prima metà di Loro – sua ultima fatica – non è cosa facile. Una volta usciti dalla sala, la prima sensazione è quella di aver visto, appunto, solo la prima parte di un’opera che invece necessita di essere fruita nella sua interezza per poterne trarre qualche conclusione. mediacritica_loro_1_290Ma nonostante tutto, le evidenze emergono: c’è poco da fare, il cinema di Sorrentino è uno dei più efficaci nel raccontare un mondo nuovo che stiamo – in maniera sempre più caotica e fluida – assaporando giorno dopo giorno. Un mondo che ancora non conosciamo, che muta e che ci scivola dalle mani. Un mondo fatto di false icone, corpi che si deturpano, si ergono a spazi simbolici, si trasformano senza che nessuno abbia il tempo di accorgersene. Corpi vivi, vivissimi, bellissimi e corpi invecchiati, morti. Un mondo che contiene superfici che rappresentano, meglio di qualsiasi contenuto, gli immaginari che ci pervadono ogni giorno. Un mondo falso e ipocrita fatto di apparenze che si affastellano, si raggruppano, si rendono uniche, indivisibili e allo stesso tempo moltiplicabili all’infinito.
Il cinema di Sorrentino è questa riflessione, è il modo di superare le barriere formatesi con le macerie dei postmodernismi, è lo sguardo attento che sa citare tanto Fellini e Antonioni quanto Harmony Korine, facendo credere che i primi provengano dal futuro e trattando il secondo come se fosse già un classico. Il cinema di Sorrentino è tutto ciò e Loro ne è l’ultimo tassello, anche se sicuramente non quello definitivo. Una cassa di risonanza enorme come il nome di Berlusconi, un vuoto politico come quello che sta abitando il nostro paese in questo periodo e il gioco è fatto. Ma il film, a prescindere da ciò, è perfetto, riprende tutte le funzioni di questo cinema che poco fa ho cercato di descrivere e le rende ancora più impercettibili, le nasconde all’occhio, le posiziona in vortici di senso che poco significato avrebbero se estrapolati da quel contesto. Ed è così che deflagra tutta la forza di Loro 1: Sorrentino ha capito la cosa più importante di tutte e cioè che il cinema può distruggere e ricreare, può rendere ridicolo ciò che ridicolo non è e viceversa, mettendo in scena il potere, logorando chi il potere ce l’ha. Tutto il resto è storia di segreti inconfessabili, misteri insondabili e grandi bellezze. Come d’altronde sempre è stato e sempre sarà.

Loro 1 [id., Italia/Francia 2018] REGIA Paolo Sorrentino.
CAST Toni Servillo, Elena Sofia Ricci, Riccardo Scamarcio, Pasqualina Sanna, Kasia Smutniak, Euridice Axen, Fabrizio Bentivoglio.
SCENEGGIATURA Paolo Sorrentino, Umberto Contarello. FOTOGRAFIA Luca Bigazzi. MUSICHE Lele Marchitelli.
Drammatico/Commedia, durata 104 minuti.

Loro 1
1.8 22 35.45%

3 Comments

  1. Moschio says:

    Io attendo la seconda parte per avere un giudizio più completo, però non c’è niente da fare: Sorrentino è un regista con i controcazzi. E come dici tu Gabriele o lo ami o lo odi in quanto AUTORE. Penso che anche in questo caso abbia realizzato un film che necessita di essere studiato per molto tempo. La seconda parte ci dirà se siamo davanti ad un capolavoro o a un’opera poco riuscita.

  2. Antonio says:

    Mi piace quando dici che fa sembrare Antonioni uno che proviene dal futuro è Korine già un classico. Ho avuto quella sensazione anche io.

  3. Adone666 says:

    CHE DOMENICa bestiale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly