adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

The Spacewalker – Il tempo dei primi

sabato 12 maggio, 2018 | di Martina Bigotto
The Spacewalker – Il tempo dei primi
Inediti
1
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Luci e ombre nell’alba dell’era spaziale sovietica
Guarda con un occhio il felice passato spaziale russo e con l’altro i blockbuster di fantascienza a stelle e strisce più celebri degli ultimi decenni – vedi Interstellar e Gravity – questo nuovo esempio di rinnovamento del Cinema contemporaneo di Mosca. Durante la Guerra Fredda, per quasi mezzo secolo U.R.S.S. e Stati Uniti si sono affrontanti senza tregua e senza pietà nella corsa alla conquista spaziale. Ora, dopo il crollo del blocco sovietico, le due superpotenze spesso collaborano in progetti astronomici internazionali, per quanto appena possibile la cinematografia russa ribadisca gli importanti risultati spaziali ottenuti “mostrando i muscoli” con opere che trasudano patriottismo e imprese eroiche.

Lirismo, profondo senso estetico e attenzione alla forma sono le parole chiave che dominano The Spacewalker – Il tempo dei primi, ispirato al programma spaziale sovietico Voshod 2, che nel marzo del 1965 vide i cosmonauti Beljaev e Leonov partire da Baikonur alla volta dello spazio per effettuare la prima EVA (Extra-vehicular activity, il lavoro fatto da un astronauta nello spazio all’esterno della sua navicella) della storia della conquista spaziale. mediacritica_il_tempo_dei_primi_spacewalker_290Cosa che all’inizio riesce perfettamente finché una carambola di guasti non interferisce nel rientro a bordo degli astronauti, mettendone a serio rischio il ritorno nell’atmosfera terrestre.
Dai blockbuster americani, The Spacewalker riprende l’attenzione formale all’effettistica, con buone ricostruzioni dei voli aerei e spaziali in CGI, per quanto talvolta involontariamente comici (la scena della crepa nel modulo spaziale riempitasi immediatamente di ghiaccio sfiora il ridicolo), nonché l’enfasi sul personaggio di Leonov, visto come il classico pilota “genio e sregolatezza”. Sono la passione per il volo, un ricorrente sogno infantile mai dimenticato e l’estremo attaccamento alla famiglia e alla nazione a spingerlo a scegliere l’Accademia Aereonautica anziché quella di Belle Arti. Assieme ad una bella dose di pragmatismo (l’indennità di frequenza della scuola militare era molto più alta che quella data agli studenti di arte, dirà poi nel film), di coraggio e di pazzia che lo rendono un pilota spericolato e, paradossalmente, candidato ideale per un viaggio nello spazio a bordo di una navicella sperimentale.
Sceneggiatura e regia si amalgano bene nel raccontare in modo veritiero – complice anche la consulenza dello stesso cosmonauta Leonov – questa “l’odissea nello spazio” (mai citazione kubrikiana fu più appropriata), presentata da media sovietici all’epoca come un clamoroso successo, i cui documenti solo di recente desegretati hanno svelato quanto in realtà fosse una missione contraddistinta da un susseguirsi di malfunzionamenti che fortunatamente non hanno portato a conseguenze mortali (come invece accadde per esperimenti precedenti, già portati alla luce da film come El cosmonauta).

The Spacewalker – Il tempo dei primi [Vremya Pervykh, Russia 2017] REGIA Dmitriy Kiselev.
CAST Yevgeny Mironov, Konstantin Khabensky, Vladimir Ilyin, Anatoly Kotenyov.
SCENEGGIATURA Yury Korotkov, Sergey Kaluzhanov, Irina Pivovarova (con la consulenza di Alexey Leonov). FOTOGRAFIA Vladimir Bashta. MUSICHE Yuri Poteenko.
Fantascienza/Avventura, durata 140 minuti.

The Spacewalker – Il tempo dei primi
4.2 6 83.33%

One Comment

  1. Matteo says:

    Dal trailer e dall’articolo pare molto interessante. Lo vedrò sicuramente!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly