adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

Incubus (1966)

sabato 19 maggio, 2018 | di Erasmo De Meo
Incubus (1966)
Speciale
0
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

SPECIALE PRODUZIONI DIFFICILI
Visibile e invisibile
Qualcuno lo definisce l’ultimo degli horror classici, quindi l’ultimo di quei film costruiti quasi artigianalmente con pochi attori, pochi mezzi e molte idee dove lo spavento e l’orrore sono frutto di effetti musicali, suoni inauditi, apparizioni e ambientazioni misteriose fotografate con un certo gusto per le ombre e soprattutto per il buio. Incubus è in effetti costruito essenzialmente sui sensi e sui suoi inganni, su ciò che si vede o non vede, su ciò che si sente o non si sente.

Marc è un soldato in congedo dopo un’incidente, venuto con la sorella Arndis a Nomen Tuum, un villaggio sede di una fonte che si dice miracolosa: chi ne beve diventa più sano e più bello. Questo luogo di rinascita, depurazione e riposo è un piccolo purgatorio terreno ma è mediacritica_incubus_290anche l’occasione migliore per spiriti ed esseri maligni per sferrare l’ultimo attacco, l’ultima tentazione e sedurre vittime da sacrificare al Dio delle Tenebre. Le sorelle Succubi, Kia e Amael, sono le principali attrici di questo teatro di corruzione, si presentano agli uomini in luoghi isolati, attirandoli a sé, ammaliandoli fino a diventare irresistibili e infine uccidendoli. Marc è la vittima prescelta da Kia, ma Marc costituisce un bersaglio difficile, il suo animo è puro, il suo sentimento religioso è forte, tanto che accade il contrario: Kia finisce per innamorarsene e ha un rapporto con lui, dimostrandosi incapace di resistere alla principale forza del Bene, l’Amore. Per vendetta le sorelle risveglieranno il temibile fratello Incubus che rapirà e violenterà Arndis e proverà infine ad uccidere lo stesso Marc. Incubus/Incubo è quella figura mitologica maschile che insidiava le donne dormienti, opprimendole o unendosi a loro – le Succubi non sono altro che il suo relativo femminile – e il film poco aggiunge alla figura tradizionale, che di per sé ha una discreta storia artistica citata esplicitamente: la violenza su Arndis mette superbamente in cinema il quadro di Füssli. La fotografia di Conrad Hall, tre volte premio Oscar, fa la gran parte del lavoro, gli effetti stranianti, le prospettive insolite e sinistre, le figure che emergono dal “buio della ragione” hanno forza grazie al suo bianco e nero. Sono frequentissimi gli ostacoli visivi, elementi naturali, pareti o la stessa cecità di Arndis, causata dall’aver osservato l’eclisse – fortemente simbolico nel suo essere buio che copre la luce – che si oppongono alla capacità offerta da Kia di vedere di più, di vedere oltre, promettendo a Marc di poterla vedere nuda, quindi senza i filtri e le resistenze della purezza, non appena accetterà di seguirla. Una scelta particolare fu quella di girare il film in esperanto, con l’effetto di rendere le forze del Bene e del Male ancora più estranee e allo stesso tempo più universali, capaci di rivolgersi a tutti. La produzione del film stesso, si dice, sortì effetti sinistri: molti collaboratori subirono incidenti e l’attore che interpretò Incubus morì ucciso pochi anni dopo. Anche le copie del film finirono tutte misteriosamente distrutte, solo trent’anni dopo fu ritrovata una copia da cui venne tratta l’edizione ora pubblicata e visibile.

Incubus [id., USA 1966] REGIA Leslie Stevens.
CAST William Shatner, Allyson Ames, Ann Atmar, Milos Milos.
SCENEGGIATURA Leslie Stevens. FOTOGRAFIA Conrad Hall. MUSICHE Dominic Frontiere.
Horror, durata 78 minuti.

Incubus (1966)
4 1 80%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly