adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

La stanza delle meraviglie

sabato 16 giugno, 2018 | di Edoardo Peretti
La stanza delle meraviglie
In sala
1
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Semplicità apparente
Ne La stanza delle meraviglie di Todd Haynes, tratto dall’omonimo romanzo illustrato di Brian Selznick, è come se convivessero due film diversi in grado però di mischiarsi fino a confondersi e a formare un unicum compatto; non solo per le due vicende che compongono la duplice struttura narrativa, quella a colori ambientata nel 1977 con il piccolo Ben protagonista, e quella in bianco e nero ambientata nel 1927 con protagonista la piccola Rose, entrambi sordi ed entrambi alla ricerca di un affetto perduto.

Questi due film, queste due rette fintamente parallele, vedono da un lato la scorrevolezza, la robustezza e la ricerca dell’impatto emotivo e del coinvolgimento immediato e senza difese tipiche di un prodotto hollywoodiano, mentre dall’altro c’è una struttura sfuggente, nei dettagli più evocativa che davvero narrativa, ricca di rimandi e collegamenti e a tratti quasi sperimentale. mediacritica_la_stanza_delle_meraviglie_290Un film fondamentalmente costruito su una complessità narrativa e stilistica che in qualche modo viene nascosta e negata dalla semplicità con cui si approccia allo spettatore e con cui riesce ad emozionarlo.
È anche un’opera per la quale è esercizio vacuo trovare chissà quale chiave di lettura sociale come nel caso di Lontano dal paradiso e Carol, melodrammi ambientati nel passato che toccavano corde dolenti del presente o certi rimossi della nazione. La stanza delle meraviglie è un film “banalmente” (tra mille virgolette) intimo e anche da questo punto di vista limpidissimo nel trasmettere il suo senso. Parte dall’infanzia inquieta e dalla sofferta rielaborazione di un’assenza per raccontare il potere della meraviglia e dello stupore. Riecheggiano Spielberg, il suo umanesimo e la poetica della meraviglia – per esempio nelle visioni incontrate da Ben nel museo o nello stupore di Rose davanti alla New York fremente dell’età del jazz –, ma ancor più intensamente Haynes vuole sottolineare la necessarietà quasi terapeutica, talvolta spiazzante e sconvolgente ma sempre decisiva e spesso salvifica, della bellezza e la sua capacità di creare una rielaborazione della realtà e una nuova consapevolezza. È quindi un film, volendo, sul senso dell’arte in generale – non è un caso che l’istituzione museo sia decisiva – e del cinema in particolare, come conferma la parte dedicata a Rose nella quale viene ricalcato il cinema muto. Haynes cerca di trasmettere allo spettatore la stessa meraviglia che stordisce i protagonisti, in particolare con sequenze più che esplicite nell’inseguire la bellezza e lo stupore di cui il film vuole essere promotore (su tutte l’inserto in animazione e la rivelazione finale che avviene splendidamente sulla New York in miniatura), riuscendoci e conquistando con un film allo stesso tempo complesso e semplice, “banalmente” affascinante e “banalmente” emozionante.

La stanza delle meraviglie [Wonderstruck, USA 2018] REGIA Todd Haynes.
CAST Oakes Fegley, Millicent Simmonds, Jaden Michael, Jiulianne Moore, Michelle Williams.
SCENEGGIATURA Brian Selznick (dal suo omonimo romanzo illustrato). FOTOGRAFIA Edward Lachman. MUSICHE Carter Burwell.
Fantastico/drammatico, durata 116 minuti.

La stanza delle meraviglie
3.2 5 64%

One Comment

  1. Gigi Rambo says:

    Ci stanno tutte le robe cinefile, l’archeologia dei media, il lavoro sulle modalità antiche di visione, il diorama per spiegare tutto, il muto quando c’è il muto, le immagini pastellose della NY anni 70 quando siamo a NY negli anni 70, eccetera. Ma, ragazzi miei, è una storia veramente brutta. Non succede un cazzo, saltano fuori robe a caso (l’amichetta che non vuole rivelare il luogo in cui la libreria si è spostata) che muoiono subito (glielo rivela dopo 5 minuti) e tutto si risolve con uno spiegone fiume che nemmeno ti fa dire “oooh” ma al massimo “e va beh”. Poi basta con sto blackout di NY inserito mentula canis, per Madonna!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly