adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

Estate 1993

sabato 14 luglio, 2018 | di Erasmo De Meo
Estate 1993
In sala
0
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Piangere per cominciare
Con un pianto si viene alla luce, la prima voce di ciascuno è frammista alle lacrime: un cambiamento di stato, di orizzonti, niente più sicurezze e nuove regole da costruire.

Con un pianto si cresce e si pone un sigillo ad ogni maturazione, ad ogni accresciuta e conquistata sensibilità. Si piange quando ci si affaccia sul mondo con una nuova consapevolezza o dopo che un’illusione o qualcosa a cui si credeva è caduto.mediacritica_estate_1993_290 Se lo spaesamento è totale quando si è adulti, figurarsi quando si è piccoli, bambini o adolescenti, quando le proprie gambe e le proprie forze ancora non hanno fiducia di sé e in ogni direzione cercano qualcosa o qualcuno a cui aggrapparsi. La piccola Frida in Estate 1993 ha perso entrambi i genitori per AIDS, ma non ha pianto; è rimasta sola ed è andata a vivere con lo zio, la sua energica compagna e la loro figlia. Viene accolta con dolcezza ma il suo temperamento è troppo libero, troppo spontaneo, troppo impulsivo e mina facilmente l’equilibrio della famiglia. È estate e sembra che la vita sia sospesa, circoscritta ad una villa di campagna in cui domina il gusto del silenzio, dell’attesa e del ritmo naturale che alterna giorno e notte, nascita e morte, maturazione e mutazione. Ma Frida tarda a mutare, è circondata da un alone di dolore irrisolto, ma mai questo dolore viene interiorizzato o metabolizzato, piuttosto viene riversato sulla cugina Anna, ancora più piccola di lei, che imita Frida e comincia a sentirla come sorella maggiore. Al contrario Frida prova invidia, quell’invidia spietata e crudele che solo i sentimenti non mediati dei bambini sanno esercitare: porta Anna nei boschi e la lascia nel folto degli alberi dicendole, come per gioco, di aspettare e non muoversi fino al suo ritorno. Non c’è però nessuna intenzione di tornare: la colpa di Anna è di essere oggetto privilegiato dell’amore materno e paterno, Frida le è seconda in tutto e sente di non potersi affidare totalmente alle premure dei nuovi genitori, sente che parte dei suoi passi si muovono ancora sulle sabie mobili e sul vuoto. Prova a fuggire ma ritorna, prova a conquistarsi i suoi spazi ma sono ancora troppo stretti e vincolati al suo passato, prova a farsi degli amici ma gli altri bambini, indotti dai genitori, la evitano per paura di un possibile contagio. Frida sembra essere vittima del tempo e della lenta erosione della memoria, si porta addosso un ricordo come un peso, come una coltre che l’annulla. Allo stesso modo si porta addosso l’inquadratura che Carla Simon le affida, ponendola sempre al centro, come una responsabilità o come un’attesa, allo stesso modo in cui si punta una macchina da presa su un elemento naturale, un fiore o un paesaggio per osservarne il cambiamento in un tempo lungo. Infine, quando Frida scoppia in un pianto inspiegabile, l’osservazione può dirsi conclusa. Estate 1993 è, in questo senso, cinema scientifico, uno studio sulle relazioni affrontato poeticamente, con stile sicuro e una mano giovane ma già decisamente ferma.

Estate 1993 [Estiu 1993, Spagna 2017] REGIA Carla Simon.
CAST Laia Artigas, Bruna Cusì, David Verdaguer, Paula Robles. SCENEGGIATURA Carla Simon. FOTOGRAFIA Santiago Racaj. MUSICHE Pau Boigues e Ernest Pipò.
Drammatico, durata 97 minuti.

Estate 1993
4 1 80%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly