adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

Doubles vies

venerdì 31 agosto, 2018 | di Francesco Grieco
Doubles vies
Festival
0
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

75. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, 29 agosto – 8 settembre 2018, Lido di Venezia

Materia prima
Doubles vies è ambientato nel mondo dell’editoria e della letteratura, proprio come Quello che non so di lei, che Assayas ha scritto per Polanski.

E come Personal Shopper, la rara capacità di Assayas di riflettere metalinguisticamente sul cinema, sul destino delle immagini, sul processo creativo nei suoi legami con la vita, entra in fertile collisione con la scelta di un genere accessibile (qui la commedia sull’eterna ronde dei sentimenti, nel film precedente la ghost story), utilizzato come interfaccia per facilitare la rappresentazione realistica delle nostre esistenze nella società contemporanea ipertecnologica, in continua transizione, in cui i rapporti umani sono mediati da schermi, monitor, tastiere che mediacritica_doubles_vies_290ne condizionano le dinamiche.
Le innumerevoli riflessioni che, con i suoi dialoghi velocissimi, densi, e con le numerose citazioni colte, Doubles vies suscita sulla morte della carta stampata, sul ruolo della critica letteraria, sul narcisismo delle nuove forme di scrittura on line, valgono anche per il cinema e l’audiovisivo in generale, che negli ultimi anni, con l’avvento del digitale, hanno subito un evidente processo di smaterializzazione. Per quanto problematica e confusa sia la situazione della comunicazione per immagini, del cinema e dell’arte visiva oggi, rimanere ancorati a un realismo materico dei volti, dei corpi, degli spazi esplorati, degli oggetti, come ha fatto Assayas anche nei visionari Sils Maria e Personal Shopper, è la risposta migliore che si possa dare.
Doubles vies si fa visitare dal fantasma di Adorno, si rifà alla sua denuncia dell’involuzione della cultura in “industria culturale” e della riduzione delle relazioni interpersonali alla sfera fittizia del consumo. Al manoscritto del bibliofilo Leonard, che inizialmente nemmeno l’amico Alain vuole pubblicare, nel mercato editoriale si contrappone l’e-book, che permette di liberarsi del processo di fabbricazione e incrementare i profitti. Oppure l’audiolibro, purché la voce sia quella di un’attrice come Juliette Binoche.
È Alain la figura più complessa del film, un uomo combattuto tra la salvaguardia della letteratura come valore da premiare, come missione professionale e “religiosa” (cita la fede “contro ogni evidenza” del sacerdote di Luci d’inverno), e la seduzione quasi satanica, incarnata dalla donna in carriera Laure, del mondo digitale, in cui “se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi”, magari vendendo i contenuti editoriali a qualche losco magnate della telefonia.
Ma che Assayas non sia completamente pessimista lo si può dedurre da come conclude il suo film: dopo molti tentativi con la fecondazione artificiale, è alla vecchia maniera che Leonard e Valérie concepiscono il primo figlio. Non è un miracolo, è qualcosa di reale. È la materia, che, nei suoi aspetti più carnali e umani, si prende la rivincita, non cede al dominio delle nuove tecniche, rifiuta di mettersi al servizio del capitale.

Doubles vies [id., Francia 2018] REGIA Olivier Assayas.
CAST Guillaume Canet, Juliette Binoche, Vincent Macaigne, Christa Théret, Nora Hamzawi.
SCENEGGIATURA Olivier Assayas. FOTOGRAFIA Yorick Le Saux. MONTAGGIO Simon Jacquet.
Commedia, durata 108 minuti.

Doubles vies
3.3 8 65%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly