adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

Pantera Nera – Una nazione sotto i nostri piedi

sabato 29 settembre, 2018 | di Erasmo De Meo
Pantera Nera – Una nazione sotto i nostri piedi
Black America
0
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

BLACK AMERICA
La caduta dei supereroi
Dal fumetto come fuga al fumetto come impegno. È lo stesso Ta-Nehisi Coates a svelare quanto gli albi della Marvel abbiano riempito e consolato i suoi malesseri di adolescente. Anche i deboli potevano superare ogni barriera ed essere supereroi, ma quelle mitiche figure col tempo sono diventate malinconiche, cariche di destino e di responsabilità troppo grandi, quasi fallibili malgrado le capacità smisurate.

Ed è in questo stato che Coates incontra Pantera Nera, per scrivere una delle sue storie più tormentate e introspettive. Alla sua apparizione nel 1966 – l’albo è ristampato in coda al primo dei quattro volumi – Pantera Nera, re di Wakanda, è sicuro, determinato, pienamente vitale, quasi riesce a sconfiggere e imprigionare i Fantastici Quattro con tranelli ed acrobazie. mediacritica_pantera_nera_290Dalla penna di Coates e dai disegni di Brian Stelfreeze emerge invece un T’Challa (questo il vero nome di Pantera Nera) esitante, dubbioso, a tratti furioso e rancoroso, vendicativo. Lo vediamo più preso in colloqui, con la maschera tirata giù e il volto crucciato, che in azione; non ha più la sicurezza dei tempi di Panther’s Rage o della serie di Christopher Priest; ora sferra colpi con la piena consapevolezza della loro inutilità, combatte per inerzia, perché è il solo modo in cui sa agire, combatte per rimandare finché può la rottura col suo popolo: i tempi sono cambiati e la sfiducia regna sovrana. Gli antagonisti che si trova ad affrontare infatti non sono forze esterne, supereroi venuti da lontano, creature fantastiche, ma i suoi stessi sudditi, organizzatisi in fazioni contrastanti, semiclandestine, guidate da ideali o dal puro istinto di sopraffazione. La sceneggiatura frammentaria e schizofrenica, nel suo saltare da un luogo all’altro, da un piano temporale ad un altro, con dialoghi spesso enigmatici e misterici, costellati di monologhi paralleli, è segno di una volontà formale ben precisa, finalizzata a rappresentare una realtà caotica quanto quella dell’universo afroamericano statunitense. Coates indubbiamente cala Pantera Nera e il regno di Wakanda in un registro simbolico: senza forzare la mano riesce a intrattenere e ad argomentare da un punto di vista insolito le sue posizioni politiche. Il columnist dell’Atlantic, scettico nei confronti di un post-razzismo USA, vede il problema razziale annidato all’interno della stessa comunità nera e attraverso i ribelli di Wakanda dà forma ad un’allegoria sostanziosa: anche l’emancipazione sociale e la sovranità tecnica non sono sufficienti a dare ai sudditi di T’Challa la coesione attesa. Sin dal movimento per i diritti civili anni Sessanta, per non risalire fino a W. E. B. Du Bois, gli afroamericani hanno sempre trovato difficoltà a marciare uniti, sotto un’unica prospettiva di parità sociale, e il Wakanda soffre le stesse scissioni, fratture in cui Pantera Nera vede l’abisso, fino a percepirsi “diviso dal suo stesso sangue”. I disegni intensi e ben orchestrati, ma un po’ monocordi nelle espressioni, sostengono l’immaginazione di Coates. Siamo ai vertici dell’universo Marvel, l’illusione supereroica è gettata nel realismo più desolato e “Il Sogno è la consuetudine che mette in pericolo il pianeta, che vede i nostri corpi immagazzinati nelle prigioni e nei ghetti” (Ta-Nehisi Coates, Tra me e il mondo, Codice Edizioni, Torino 2016).

Pantera Nera – Una nazione sotto i nostri piedi Vol.1 [Black Panther – A nation under our feet Vol.1, USA 2016] TESTI Ta-Nehisi Coates. DISEGNI Brian Stelfreeze.
EDITORE Panini Comics.
Albi in raccolta, 128 pagine.

Pantera Nera – Una nazione sotto i nostri piedi
4 2 80%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly