adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

Good Bye, Lenin! (2003)

sabato 24 novembre, 2018 | di Teresa Nannucci
Good Bye, Lenin! (2003)
Another brick in the wall
0
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

ANOTHER BRICK IN THE WALL
Ridere della storia

Anno 1989. Come molti giovani, Alex protesta per le strade di Berlino contro il Muro che divide la città. Vedendolo arrestato dalla polizia, la madre Christiane si sente male, essendo lei una fervente sostenitrice della DDR e del regime sovietico che, a suo dire, si prendeva gioco di lei. Il malore la lascia in coma per qualche mese, proprio mentre il Muro viene finalmente abbattuto. Al suo risveglio, per evitarle shock eccessivi, Alex viene meno ai suoi ideali cercando di non farle notare alcuna differenza tra il prima e il dopo.

Nel 2003 Wolfgang Becker parla del Muro di Berlino come uno status quo, un muro che divide la città in due, ma il cui effetto principale sulla quotidianità civile è la reclusione soprattutto per i giovani da tutte quelle opportunità che arrivano dal mondo occidentale. Inizia in questi termini l’opposizione diegetica tra Alex e la madre, ognuno lottando per ciò che credono li proteggerà al meglio: il muro, da oggetto fisico e tangibile in mezzo a Berlino diventa una separazione tra diverse generazioni che imposta le relazioni personali e sociali di chiunque.mediacritica_good_bye_lenin_290 A scardinare questo meccanismo è il “sonno” di Christiane, che costringe Alex a mettere in scena delle vere e proprie rappresentazioni di un passato troppo recente per essere adeguatamente stigmatizzato, ma che ha talmente impresso la popolazione che è relativamente semplice per Alex e gli amici interpretare la sicurezza data dalla protezione sovietica. Good Bye, Lenin! si dimostra essere un film particolarmente intelligente proprio per il modo in cui gioca sul doppio registro storico e familiare, riuscendo a dare alla relazione madre-figlio aspetti continuamente diversi a seconda dei cambiamenti culturali in atto.
La serie di situazioni e delle finzioni che la famiglia affronta è un crescendo di ironia, fino alla celeberrima statua di Lenin volante, che denota la capacità di rielaborare il passato più vicino e, soprattutto, di saper declinare il muro materico in una serie di ostacoli alla comunicazione personale e ridurlo anche, in un certo senso, a mera contingenza storica. Ciò che resta del Muro che divide per antonomasia è una diversa forma mentis, un differente approccio al mondo, che lo vede come oppressore o difensore, come ostacolo o come opportunità. La figura di Alex riflette quella più largamente condivisa dalle giovani generazioni, ma Becker, senza farlo pesare, rende giustizia a un mondo interiore e sociale sempre messo in discussione, senza curarsi di entrare in sintonia con la genuinità di chi l’ha supportato. Christiane diventa quindi l’occasione per rimettersi in discussione, con un’evidente diversa prospettiva storica, riguardo al tanto contestato Muro.

Good Bye, Lenin! [id., Germania 2003] REGIA Wolfgang Becker.
CAST Daniel Brühl, Katrin Sass, Maria Simon, Florian Lukas, Čulpan Nailevna Chamatova, Alexander Beyer.
SCENEGGIATURA Wolfgang Becker, Bernd Lichtenberg. FOTOGRAFIA Martin Kukula. MUSICHE Yann Tiersen, Antonello Marafioti.
Commedia, durata 120 minuti.

Good Bye, Lenin! (2003)
4 1 80%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly