adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

In Fabric

mercoledì 28 novembre, 2018 | di Emanuele Rauco
In Fabric
Torino Film Festival
0
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

36° Torino Film Festival, 23 novembre – 1 dicembre 2018, Torino

Un vestito per domarli
Il grande magazzino per Strickland è come il centro commerciale per Romero: luoghi malefici in cui inscrivere una satira orrifica sul consumismo e sul ricasco ai danni della società. Ma se Zombi guardava all’istituzione, In Fabric sembra più attento all’oggetto: dalla vendita all’ingrosso a quella al dettaglio.

Il film racconta infatti di un vestito maledetto che, venduto ai saldi di gennaio in un raffinato grande magazzino che nasconde segreti inconfessabili, distrugge le persone che ne vengono in contatto. Dal Vestito per uccidere di De Palma al Vestito che uccide di Tobe Hooper, Strickland sceglie la via dell’horror sardonico per ribadire la propria aderenza al cinema bis degli anni Settanta, soprattutto sponda italiana, e almeno superficialmente fare critica sociologica.mediacritica_in_fabric_290
In Fabric nella prima parte si concentra sui dettagli attraverso la grana della fotografia in pellicola di Ari Wegner, facendo dell’immagine qualcosa di paragonabile a un tessuto e di Strickland la versione filmica di un sarto; poco a poco però la cura artigianale e le suggestioni d’antan si stemperano e le tracce umoristiche − i personaggi di Clive e Stash e le notazioni sulla burocrazia del lavoro − sembrano strizzate d’occhio prive di humour, digressioni continue infinite e stanche verso un film che perde ogni direzione, ogni interesse e molti dei suoi punti di forza.
Tutto ciò che di buono e sorprendente Strickland aveva mostrato nei suoi film precedenti in termini di tensione e seduzione dell’immagine, soprattutto Berberian Sound Studios e The Duke of Burgundy, in In Fabric è ridotto a divertissement al limite con una ricercata cialtroneria, in cui l’unico interesse del regista, più che la costruzione di un rapporto con lo spettatore che sia di testa o pancia, sembra essere unicamente l’assegnazione di una rilevanza estetica al kitsch, al cattivo gusto, al camp. Con le armi però di un presunto buon gusto cinematograficamente un po’ snob, e quindi ipocrita.

In Fabric [id., Gran Bretagna 2018] REGIA Peter Strickland.
CAST Marianne Jean-Baptiste, Gwendoline Christie, Fatma Mohamed, Hayley Squires, Sidse Babett Knudsen. SCENEGGIATURA Peter Strickland. FOTOGRAFIA Ari Wegner. MUSICHE Cavern of Anti-Matter.
Horror, durata 118 minuti.

In Fabric
2.5 2 50%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly