adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

La flor

sabato 1 dicembre, 2018 | di Francesco Grieco
La flor
Torino Film Festival
0
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

36° Torino Film Festival, 23 novembre – 1 dicembre 2018, Torino

La flor, cinema senza fine
Concepito per il grande schermo, come un film-fiume in sei episodi (4 senza finale), di oltre 800 minuti, La flor è un’opera davvero unica. Tre quarti d’ora di titoli di coda con l’immagine capovolta, ben tre montatori, quattro attrici che, come suggeriscono le note di regia, interpretando ruoli sempre diversi, nelle varie parti del film, finiscono per offrire un ritratto di sé stesse, nel tempo, prismatico e simmetrico. La vita al lavoro. Ma il lavoro, qui, è principalmente quello del set.

Di esplicitamente politico La flor ha ben poco, per quanto possa incuriosire nei ringraziamenti la presenza del Partito rivoluzionario del Nicaragua e del Partito anarco-nichilista magiaro. Piuttosto, il tono può ricordare, in molte scene, quello dei serial del muto o delle fiabe, per la sospensione dell’incredulità che richiede allo spettatore, per il gusto della narrazione, per gli intrighi.mediacritica_la_flor_290 Il meccanismo a scatole cinesi, con narratori di grado crescente, fa venire subito in mente Il manoscritto trovato a Saragozza, opera letteraria tra le molte citate per titolo nell’episodio “metacinematografico”, il quarto, in cui le attrici recitano sé stesse, mentre il regista del film a cui stanno lavorando è un collezionista di libri rari.
Gli omaggi alla storia del cinema, anche al western, non si contano. La quinta parte è perfino un remake di Una gita in campagna di Jean Renoir, in gran parte muto, ma con alcuni dei dialoghi originali estratti dalla colonna sonora di quel grande classico. Invece, Pierre-Auguste Renoir e gli altri impressionisti francesi sembrano un’influenza forte a livello iconografico nell’ultimo episodio, tra i più sperimentali: nessun dialogo, solo didascalie da cinema delle origini “storte” o in leggero ritardo (uno degli innumerevoli effetti di straniamento che Llinás utilizza per svelare ironicamente la finzione e giocare con il pubblico), la cinepresa è velata, i contorni sfumati, i corpi diventano macchie di colore, le quattro protagoniste ripropongono l’eterno femminino delle bagnanti (come nel terzo atto del terzo episodio le donne di Manet si sovrappongono all’immagine in movimento della spia 301).
Più volte, tra le scelte linguistiche ricorrenti nel film (molti primi piani, panoramiche a 360 gradi, azioni importanti fuori campo o perse nelle ellissi, tempi morti, montaggio alternato, flashback menzogneri o veritieri, musica di archi da cinema classico, voce over poetica), notiamo soggetti non a fuoco nelle inquadrature, come se il mistero, l’ignoto che costituisce il carburante narrativo de La flor, in particolare nelle derive spionistiche del secondo e terzo episodio, fosse rappresentato, nei molti long take fissi, come un obnubilamento della visione, una miopia percettiva e conoscitiva. Ad eccezione del primo episodio, una sorta di B-movie, in cui la sfocatura va a caratterizzare, in un uso più immediato, la soggettiva di una mummia a cui sono stati cavati gli occhi.
Comunque, La flor è, soprattutto, un grande racconto popolare, pieno di autoironia, di canzonette (il secondo episodio è ambientato proprio nel mondo dell’industria discografica argentina), di sentimenti forti a cui abbandonarsi (l’amore impossibile tra i due killer, forse il momento più memorabile). Il secolo delle spie è già finito, ma il cinema non finisce mai.

La flor [id., Argentina 2018] REGIA Mariano Llinás.
CAST Elisa Carricajo, Valeria Correa, Pilar Gamboa, Laura Paredes, Esteban Lamothe, Pablo Seijo.
SCENEGGIATURA Mariano Llinás. FOTOGRAFIA Augustín Mendilaharzu. MUSICHE Gabriel Chwojnik.
Drammatico/Sperimentale, durata 808 minuti.

La flor
4 2 80%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly