adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

L’amica geniale

sabato 22 Dicembre, 2018 | di Vanna Carlucci
L’amica geniale
Serie TV
4
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Un romanzo di formazione
È sempre un azzardo la fusione tra cinema e letteratura, ma Saverio Costanzo con L’amica geniale (che si era già messo alla prova in questo senso con La solitudine dei numeri primi e Hungry Hearts) ha saputo infilarsi con fare chirurgico tra le pieghe del testo soprattutto perché è il testo letterario (in questo caso si tratta della saga di Elena Ferrante) a svelarsi come una vera e propria sceneggiatura, un romanzo con un’architettura che si presta allo schermo.

«La volta che Lila ed io decidemmo di salire per le scale buie che portavano fino alla porta dell’appartamento di don Achille, cominciò la nostra amicizia».  mediacritica_amica_geniale_290Se da un lato ci sono i personaggi di Elena Ferrante dall’altro scopriamo le sue incarnazioni, gli attori in performance (come ribadito dallo stesso Costanzo in una sua intervista), Elena e Lila, due bambine e, poi, due donne (o “piccole donne” visto la citazione nel film del romanzo di Louisa May Alcott) che nascono, e vivono, dentro un unico centro, la Napoli degli anni Cinquanta. A ben vedere, le loro vite si muovono entro il perimetro limitato del loro rione, dove ogni abitante incarna il tessuto sociale del tempo. Il quartiere, così familiare eppure a tratti invalicabile e pericoloso, così complesso da sembrare in superficie quasi asfissiante, diventa teatro di vite costantemente allacciate l’una all’altra. Una voce fuori campo (che sarà quella di Alba Rohrwacher) accompagna il racconto: in realtà è una voce fuori tempo perché chi narra è Elena ormai adulta che scrive e riporta in vita il ricordo di questa amicizia, il ricordo di lei, Lila, che ha sempre seguito come un’ombra: «quello che fai tu faccio io».
L’amica geniale (serie tv Prodotta da Wildside e Fandango, in collaborazione con HBO e Rai Fiction) è di un realismo falsato perché intriso di sogno, il rione è la zona in cui tutto confluisce, scenografia talmente perfetta da sembrare inverosimile, orizzonte onirico, specchio dell’immaginazione letteraria e quindi del racconto di un’infanzia e adolescenza che ritorna in vita.
«Poco prima dell’esame di licenza elementare, Lila mi spinse a fare un’altra delle tante cose che da sola non avrei mai avuto il coraggio di fare: decidemmo di non andare a scuola e passammo i confini del rione». Eppure ad un certo punto una delle due protagoniste oltrepassa il limite e il mare diventa una nuova realtà possibile. In fondo Elena e Lila vivono in maniera diversa le convenzioni del tempo, il dispotismo patriarcale, i limiti che una donna non può oltre valicare e questo le porterà ad assumere un diverso punto di vista per imporsi come donne veramente libere (Elena continuerà gli studi mentre Lila sarà costretta ad abbandonarli e userà la sua bellezza intrisa di intelligenza per farsi posto in mezzo al potere degli uomini).

L’amica geniale [id., Italia/Stati Uniti 2018) REGIA Saverio Costanzo.
CAST Elisa Del Genio, Ludovica Nasti, Gaia Girace, Margherita Mazzucco, Anna Rita Vitolo, Luca Gallone, Miriam D’Angelo, Imma Villa
SCENEGGIATURA Elena Ferrante, Francesco Piccolo, Laura Paolucci, Saverio Costanzo (tratto dal libro L’amica geniale di Elena Ferrante). FOTOGRAFIA Fabio Cianchetti. MUSICHE Max Richter.
Drammatico, durata 53-64 min (episodio).

L’amica geniale
2.4 8 47.5%

4 Comments

  1. Maria says:

    Bella recensione! La serie mi è piaciuta molto, avevo letto il libro ed è una trasposizione molto fedele

  2. PriscillaT says:

    Il realismo falsato di cui parla l’autrice della recensione è la più grande pecca della serie. Inguardabile.

  3. Morris says:

    Terrificante. Sembra tutto di cartapesta, non c’è niente di autentico

  4. marianne renoir says:

    La scelta antinaturalistica è consapevole: è un modo per riportare quel senso di separazione e chiusura dal resto del mondo del Rione che è rappresentato continuamente anche nei libri. Forse sì il setting è troppo pulito, ma in generale è una scelta che ha senso. Attrici e attori bravissimi e convincenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly