adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Italiani brava gente #4 – La matriarca

sabato 26 Gennaio, 2019 | di Gabriele Baldaccini
Italiani brava gente #4 – La matriarca
Italiani brava gente
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Psychopathia sexualis
Ne La matriarca di Festa Campanile, l’ambiguità la fa subito da padrona: chi è la donna che ha potere? Chi è appunto la matriarca del titolo? È la madre di Margherita detta Mimmi (interpretata dall’essenziale e genuina Catherine Spaak), celata per la maggior parte del film nel fuori campo che la avvolge ‒ ma che ne fa comunque sia fuoriuscire i maleodoranti condizionamenti nei confronti della figlia ‒ o è invece una figura idealizzata dalla stessa Mimmi, la quale prova con tutte le proprie forze a identificarvisi dopo il decesso improvviso del marito? Il dubbio si protrae sottilmente per tutta la durata della pellicola.

Dilemma a parte, La matriarca è un film di grande scaltrezza visiva e di equilibrismi sul filo della morale e dell’ironia. Quella che si vuole mettere al centro della vicenda è naturalmente la libertà della donna, il bisogno di un’affermazione che cerca nel sesso la sua dimensione primaria.  mediacritica_la_matriarca_290Le maglie costrittive della società sono quindi rappresentate dal maschile, che si impone relativamente sulla scena attraverso alcune figure di uomini deboli o subdoli: l’unico che avrà invece funzione di maestro e padre sarà il professor Carlo De Marchi (interpretato da un ambivalente Jean-Louis Trintignant) che insegnerà a Mimmi a riconoscere nella vita, come nel sesso, una dimensione di fondamentale spensieratezza: «Per essere felici occorrono due semplici cose» ‒ le dirà ‒ «una grande fantasia e un’assoluta sincerità». E proprio quella sincerità e quella fantasia saranno gli elementi attraverso i quali Margherita, durante tutto il film, scoprirà il meglio di sé: il vestiario sempre un po’ sopra le righe, soprattutto per il bisogno di farne un elemento protesico (come quando non si libera del proprio cappello nemmeno durante le visite mediche di controllo), o l’impossibilità di fingere sentimenti che proprio non riesce a provare.
La scena che ci fa capire che ci troviamo di fronte a una delle commedie italiane più interessanti del periodo è però quella decisiva nella quale De Marchi rompe con gran divertimento gli specchi della stanza del piacere: l’annullamento di un mondo fatto di finzioni e superfici riflettenti, che richiamano quell’ambiguità di cui avevo parlato in apertura, è l’obiettivo di questo gesto quasi sovversivo; assimilarlo, per poterne così veicolare gli evidenti significati, sarà una conseguenza dimostrabile nel finale del film. Dagli specchi ormai in frantumi si passerà infatti alle vetrate perfettamente intatte della villa all’interno della quale i novelli sposi Mimmi e Carlo consumeranno la prima notte di nozze e attraverso cui noi potremo finalmente assistere al più trasparente e onesto tra tutti i possibili giochi di coppia.

La matriarca [Italia 1968] REGIA Pasquale Festa Campanile.
CAST Catherine Spaak, Jean-Louis Trintignant, Luigi Pistilli, Renzo Montagnani, Gigi Proietti, Fabienne Dalì, Nora Ricci.
SCENEGGIATURA Nicolò Ferrari, Ottavio Jemma. FOTOGRAFIA Alfio Contini. MUSICHE Armando Trovajoli.
Commedia, durata 92 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly