adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Suspiria

sabato 26 Gennaio, 2019 | di Stefano Lalla
Suspiria
In sala
2
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Tanto fumo…
Fare il remake di un film di culto significa muoversi su un terreno scivoloso. Il paragone è inevitabile, soprattutto nel caso in cui si decida di scrivere un’opera fedele e di tributo, e le atmosfere dell’originale risultano sempre irripetibili, specie nel caso di un autore come Dario Argento il cui miglior cinema è strettamente legato agli anni in cui fu prodotto.

Il Suspiria di Guadagnino gestisce con furbizia il rapporto con la sua fonte d’ispirazione, prendendo in prestito personaggi e ambientazione per raccontare una storia del tutto diversa. È difficile dire se questo sia l’approccio migliore per un rifacimento, ma è certamente un buon modo per rendersi inattaccabili: i paragoni sono resi inopportuni e a chi si lamenta dell’eccessiva distanza dal film del 1977, si potrà rispondere che non ha compreso il senso dell’odierna operazione. mediacritica_suspiria_290La questione del rapporto Argento/Guadagnino è così rapidamente archiviata e possiamo passare all’analisi dell’opera, che è un film dell’orrore dal taglio autoriale e di durata anomala (150 minuti) che si fregia della propria ambientazione storicamente accurata. Ci troviamo, non a caso, a Berlino nel ’77, un anno difficile per i numerosi attentati terroristici della RAF. L’americana Susie Bannon, giunta alla prestigiosa scuola Markos per entrare a far parte di una compagnia di ballo, apprende che un’allieva ha abbandonato improvvisamente i corsi per unirsi ai gruppi sovversivi. In realtà, è sparita dopo aver riferito al proprio amico e psicoterapeuta Klemperer, un anziano dottore determinato a far chiarezza sulla faccenda, il proprio sospetto che la scuola di ballo nasconda una congrega di streghe. Susie si mette subito in luce dimostrando le proprie qualità quando danza la parte di prima ballerina nella coreografia Volk, ma i suoi passi si ripercuotono misteriosamente sul corpo di una sua collega, contorcendola e fratturando le sue ossa. La sequenza della danza è tra le più incisive ed esplicative dei pregi di Suspiria, tutti legati all’estetica, che mescola in modo compiaciuto la danza artistica, il macabro dei corpi dilaniati e la simbologia esoterica. Dal punto di vista visivo, il film di Guadagnino mantiene le promesse andando tranquillamente a calcare la mano laddove Argento doveva contenersi per via degli evidenti limiti negli effetti speciali. Lo stesso, purtroppo, non si può dire dei contenuti: chi si aspetta che tutti i nodi vengano al pettine e che le varie sotto trame – della RAF e della moglie perduta in guerra del dottor Klemperer – giungano a un’unica e soddisfacente conclusione, sarà deluso. Il nuovo Suspiria è, infatti, un esercizio di stile condito di elementi inquietanti quanto inutili alla storia. È un gioco visivo che ci riempie gli occhi con le immagini di sabba truculenti (peccato, però, per quel brano di Thom Yorke del tutto fuori luogo) ma lascia frustrata la nostra mente, che soffre l’assenza di una vera compattezza narrativa.

Suspiria [id., Italia/USA 2018] REGIA Luca Guadagnino.
CAST Dakota Johnson, Tilda Swinton, Chloë Grace Moretz, Mia Goth, Jessica Harper.
SCENEGGIATURA David Kajganich. FOTOGRAFIA Sayombhu Mukdeeprom. MUSICHE Thom Yorke.
Horror, durata 152 minuti.

Suspiria
2 9 40%

2 Comments

  1. Andrea M. says:

    Secondo me la mancanza di compattezza narrativa è voluta, Suspiria di Guadagnino è un incubo e perciò visionario e disconnesso con la realtà e con la logica. Un gran film potente e visionario che non si può paragonare a quello di Argento. Bravo Stefano bel pezzo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly