adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Il primo Re

sabato 23 Febbraio, 2019 | di Vincenzo Palermo
Il primo Re
In sala
4
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Mysterium tremendum
Ciò che colpisce maggiormente nella rivoluzionaria, sulfurea e roboante opera di Matteo Rovere è il realismo della scena, l’incredibile capacità di dare un senso al mitologema attraverso una rappresentazione visiva che moltiplica ed enfatizza l’effetto truce e brutale del mito fondativo per antonomasia.

Filologicamente appropriato e ben calato nella trasfigurazione mitologica fin dalla scelta di usare il proto-latino con sottotitoli in italiano, Il primo Re ricrea un universo leggendario crudele ed efferato, inselvatichito dalla visione etnologica spoglia e dall’incubo muscolare all’origine dello scontro fratricida per la fondazione di Roma. Tutto è carne, sangue, muscoli lucidi e contorsioni nervose, fango dappertutto, materia cerebrale sparsa, trasparenze mistiche, riti pagani e culti ancestrali, foreste nere dalle quali si immaginano fuoriuscire demoni arcani. E intorno è completamente silenzio naturalistico o frastuono sonoro à la Mad Max, intervallato qua e là da un arcaismo linguistico che mantiene la pronuncia velare e non palatale della c e della g; tutto vero, quindi, o almeno la cristallina illusione pagana di Rovere ce lo fa credere totalmente, immergendoci in un cerimoniale sacro nel quale si cela il significato primigenio di politica.
Un tumulto incandescente che ammicca a Valhalla Rising per il totale congelamento emotivo della scena e che ad alcuni farà pensare alla versione intellettualmente colta di 300. In realtà, nel film di Matteo Rovere scorre una tensione strisciante nonostante le inquadrature siano spesso quadri mitologici in sospensione magica, ipnotici fino all’inverosimile. Dal film promana l’essenza stessa dell’uomo pius e il delirio del folle senza Dio, l’ossessione devozionale e in generale quella che Cicerone nel De Natura Deorum definiva “la giustizia verso gli dei”. Tra pietas e religio Rovere fa scatenare un inferno terracqueo che rielabora in modo coraggioso e fuori dagli schemi il modello cinematografico del peplum, inscenando uno scontro senza esclusione di colpi che oppone sacro e profano. Del resto l’incontro dell’uomo con la sfera della religione organizzata ha da sempre generato l’horror, cioè quello spavento religioso che faceva arretrare il mortale di fronte all’avanzata della potenza divina. Nelle battaglie, negli scontri che gli uomini combattono come fiere fameliche, risuona tonante il sonoro e, intorno, lo spazio dei luoghi fuori dal tempo storico domina su tutto, splendidamente illuminato da Daniele Ciprì che trafigge lo spettatore con lame di luce in uno scenario da cartolina ancestrale. Uno spettacolo dentro lo spettacolo che apre un nuovo orizzonte – anzi, un potente squarcio – nell’addomesticato e fin troppo prevedibile panorama del cinema di genere italiano.

Il primo Re [id., Italia/Belgio 2019] REGIA Matteo Rovere.
CAST Alessandro Borghi, Alessio Lapice, Fabrizio Rongione, Massimiliano Rossi, Tania Garribba.
SCENEGGIATURA Filippo Gravino, Francesca Manieri, Matteo Rovere. FOTOGRAFIA Daniele Ciprì, Giuseppe Maio. MUSICHE Andrea Farri.
Drammatico, durata 127 minuti.

Il primo Re
2.9 19 58.95%

4 Comments

  1. Cri says:

    Recensione davvero splendida che mi ha pure aperto una nuova chiave di lettura del film! che però a me ha affascinato ma convinto in parte, soprattutto perchè ho trovato la prima parte un po’ troppo compiaciuta, per esempio nell’estetica della violenza

    • Vins says:

      Cri, grazie mille, sono tanto contento che ti sia piaciuta. Sì, quella che tu chiami estetica autocompiaciuta c’è, eccome, ma io l’ho trovata una scelta spavalda, coraggiosa e fieramente poco allineata rispetto al dozzinale cinema italiano. Ha un respiro epico e catartico, tempi dilatati e sequenze bellissime. Sono d’ accordo con te, ma a me è piaciuto proprio tanto 🙂

  2. Edoardo Ravecci says:

    Ho apprezzato la recensione ma personalmente ho trovato il film indigesto. Sì, per carità, girsato bene e quello che dice il critico è sacrosanto, ma non è proprio tra imiei gusti. Comunque bello special, mi piaciete

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly