adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Avengers: Endgame

sabato 27 Aprile, 2019 | di Gabriele Baldaccini
Avengers: Endgame
Marvel / DC
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

L’assedio
Con Avengers: Endgame finisce un ciclo. È scontato dirlo, ma è anche necessario ricordarlo. Un ciclo roboante, come mai se ne erano visti sul grande schermo. Un ciclo composto da più di venti film che hanno interagito sapientemente e che ci hanno fatto pian piano comprendere (volenti o nolenti) di cosa potesse parlare e fino a che punto potesse spingersi questo Marvel Cinematic Universe.

Un mondo parallelo a quello delle misere esistenze di tutti i giorni che ha accompagnato l’espandersi dei nostri immaginari per quasi undici anni, che ha accostato parallelamente la vita di ogni spettatore e, con forza inaudita, ha alimentato la passione cinefila che è dentro ognuno di noi (nessuno escluso). Un’operazione incredibile, straordinaria, che ci ha fatto piangere, odiare, disperarci, sorridere. Che ci ha fatto vivere la sala come da tempo non la si viveva più. Sembra un preambolo patetico, questo, ma non posso fare a meno di ribadirlo, non posso fare a meno di sottolineare come i Marvel Studios abbiano centrato il punto della questione: abbiamo (ancora) bisogno di (super)eroi. E questo tassello, questo ultimo frammento – questa fine-dei-giochi – sta lì a confermarci che un universo di finzioni, costruito su icone che hanno un’etica e un’estetica chiare e coerenti, è ciò a cui aneliamo senza mai ammetterlo, è una specie di grande ritorno del represso che ci condiziona e ci spinge a trasformarne le sue formalità (e cioè tutto quello che dovrebbe semplicemente parlarci di quella parte di noi che ci affligge e ci deprime) in sogni.
Un capitolo finale dunque in cui accade di tutto: viaggi nel tempo (con incoerenze annesse sui vari piani di realtà, ma alla fine che ci importa?), sacrifici inattesi (la morte di alcuni personaggi era telefonata, ma la scommessa era su quali avrebbero lasciato definitivamente il campo), atti di volontà sbalorditivi (come interpretare Capitan America che riesce quasi magicamente a sollevare il martello di Thor?) e dunque uno strano e amaro “e vissero tutti felici e contenti”. E poi ancora l’importanza della memoria, l’ecologismo razionale e non “istintivo”, un futuro migliore che non c’è, ma che – con la speranza di chi resta sempre unito – si farà.
Mircea Eliade studiava i miti, cercando di far comprendere come buona parte delle azioni umane si rifacesse a una serie di antichi archetipi simbolici impressi nella coscienza collettiva. C’era un ragionamento sottile per il quale cercava di indagare sull’idea che gli uomini hanno di loro stessi e del posto che occupano nel cosmo. Ecco, se volessimo dare una immediata interpretazione a questo lungo percorso, conclusosi con Avengers: Endgame, potrebbe essere questa: il Marvel Cinematic Universe non è altro che il bisogno del cinema hollywoodiano di interrogarsi nuovamente sul perché, in questo nostro cosmo, ci sia sempre qualcuno che assedia e qualcun altro che viene assediato. E il voto (solo per questa volta) va a tutta l’infinita e bellissima epopea che ne è scaturita.

Avengers: Endgame [id., USA 2019] REGIA Anthony Russo, Joe Russo.
CAST Robert Downey Jr., Chris Evans, Mark Ruffalo, Chris Hemswort, Scarlett Johansson, Jeremy Renner, Don Cheadle, Paul Rudd, Brie Larson, Karen Gillan, Danai Gurira, Benedict Wong, Jon Favreau, Gwyneth Paltrow, Josh Brolin.
SCENEGGIATURA Christopher Markus, Stephen McFeely. FOTOGRAFIA Trent Opaloch. MUSICHE Alan Silvestri.

Azione/Fantascienza, durata 182 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly