adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Gris

sabato 27 Aprile, 2019 | di Erasmo De Meo
Gris
Media
1
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Leggerezza e solidità
Gris è la storia di una caduta. Una ragazza dalla voce sublime, bellissima d’aspetto, delicata e sofferente, cade in un mondo irriconoscibile, stravolto, colmo di rovine e di timore. Coperta di un manto scuro, si aggira su gambe sottilissime, in cerca di segni di vita. Li ritrova in piccole stelle, che una volta avvicinate la seguono fedeli, come armi di leggerezza.

Non c’è spiegazione apparente, sembra che il mondo abitato dalla ragazza sia stato travolto da una catastrofe che ha tagliato fuori, per prima, la bellezza. È il suo canto spezzato ad annunciare il crollo della precedente civiltà: è la fine del suo canto a segnare la desaturazione dei colori – e della vita – rivelando un paesaggio in bianco e nero.
Per afferrare Gris in tutta la sua pienezza tre cose sono essenziali: conoscere cos’è una cariatide, avere familiarità con almeno una teoria del colore ed essere disposti a non avere fretta. Partiamo dall’ultimo aspetto. Gris è un gioco che può durare oltre le tre ore, accorciarlo vorrebbe dire consumarlo troppo in fretta e non rendergli giustizia. Le tre ore si accordano con un gameplay scorrevole e senza troppi intoppi, ma Gris richiede, quasi reclama, la sosta. In un quadro o nell’altro fermarsi, guardare i piccoli movimenti degli alberi, il fluttuare del vestito della ragazza, seguire gli uccelli, ammirare gli acquerelli, le geometrie, le lontananze: lo scorrere del tempo oltre lo scorrere del gioco. Vi è un’estetica dell’attesa che scavalca quasi anche il giocare stesso: si gioca per vedere, per vedere altro, per vedere ancora.
Lo stile di gioco di per sé è essenziale, quasi non si voglia attirare sul gioco l’attenzione e distrarre la fascinazione. Nelle fasi più concitate, quelle in cui si lotta con una creatura negativa e oscura che non si identifica – è una donna, è un uccello, è una murena – sembra quasi che il filo del gioco si perda. Il filo è infatti tutto visivo e l’azione vera, dinamica, concitata, la fanno i colori. Ogni livello è dominato da una colorazione e da un elemento naturale: il rosso del fuoco e del vento, il verde della terra, il blu dell’acqua e ovunque un rosa pastello che indica il fiorire, il rinascere. La ragazza assiste e allo stesso tempo induce trasformazioni tonali. È il suo ricordo – del mondo trascorso, dell’equilibrio perduto – che inizialmente reintroduce il colore nel freddo bianco e nero post-caduta. È il suo risvegliare le macchine, gli automatismi, gli ingranaggi scomposti di indefinite strutture apparentemente inutili a rimescolare le tinte, a creare nuovi colori. La metamorfosi del paesaggio e della donna corrisponde gradualmente ad un’acquisizione di capacità di movimento e di agilità che sono, metaforicamente, capacità di sapersi muovere in habitat sempre diversi: la ragazza sa farsi granitica come la pietra, leggera tanto da camminare sugli uccelli, sa nuotare senza più necessità d’aria e così abitare gli abissi, i ghiacciai, il deserto e le torri vertiginose, in un continuo movimento, verso l’alto e verso il basso, che non è altro che l’alternarsi di un’ascensione all’ineffabile e una condanna a scivolare nel ricordo e nel realismo. Ovunque nel mondo di Gris si incontrano statue di pietra, spesso tristissime, spesso in frantumi, il più delle volte raffigurate con mani aperte, che porgono o che attendono un’offerta. La ragazza nasce e si rigenera proprio tra queste mani. Sono donne che “sostengono”, sono cariatidi. Condannate al peso e allo stesso tempo indispensabili a tenere tutto in piedi; esprimono fatica, dolore, ma anche tenacia, speranza, resistenza a chi vorrebbe annullarne l’identità. La protagonista è una di esse, ma è fatta di carne: sostiene il mondo e infine lo salva col suo canto che fa sbocciare i fiori.

Gris [Spagna 2018] SVILUPPATORE Nomada Studio.
DISTRIBUZIONE Devolver Digital. PIATTAFORME PC, MacOSX, Nintendo Switch.
Platform, durata 180 minuti (circa).

Gris
4.5 2 90%

One Comment

  1. Pedro says:

    Grandissima riflessione per un grandissimo videogioco, complimenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly